Capodanno in Romania

capodanno in romania Spettacoli all’aperto, grandiosi fuochi d’artificio, mercatini di Natale con regali per tutti – sono elementi che creano un’atmosfera di festa nelle grandi città della Romania.

Spettacoli all’aperto, grandiosi fuochi d’artificio, mercatini di Natale con regali per tutti – sono elementi che creano un’atmosfera di festa nelle grandi città della Romania. Oggi abbiamo scelto per voi alcune destinazioni turistiche per il Capodanno. E iniziamo con la Bucovina. Andiamo quindi verso il nord-est della Romania in un luogo con paesaggi pittoreschi, in cui le feste natalizie hanno un fascino speciale.

 

"In un agriturismo di quattro stelle della Bucovina, a Gura Humorului, abbiamo un’offerta di quattro notti di alloggio, dal 30 dicembre al 3 gennaio. La piccola colazione è in stile buffet e l’offerta include anche due pranzi, una merenda, due cene – la cena festiva e la festa di Capodanno, usanze e canti tradizionali. I turisti sono invitati anche ad un pranzo popolare all’aperto e ad un fuoco da campo nel pomeriggio del 1 gennaio ed avranno accesso al centro SPA dell’agriturismo. I prezzi sono compresi tra 2300 lei (480 euro) e 2700 lei (560 euro) a testa”, spiega Marius Zamfir, direttore generale di un tour-operator di Romania.

 

Potete passare un Capodanno atipico nel centro della Romania, a Poiana Brașov, alla base della pista da sci. Se, tuttavia, preferite abbinare l’inedito all’atmosfera piacevole e accogliente di un albergo a cinque stelle, allora Brașov potrebbe essere la destinazione perfetta. "A Brașov, abbiamo pacchetti di cinque notti dal 29 dicembre. I turisti sono accolti con una cena di benvenuto tipo buffet. Il 30 sono previste una festa e una presentazione delle tradizioni romene. Segue la festa tematica di Capodanno, con dress-code obbligatorio. Il tema è la moda degli anni 1920. E’ una festa in stile retro, molto interessante. Il 1 gennaio seguirà un’altra festa tematica, mentre la mattina del 3 gennaio il periodo di soggiorno termina con la piccola colazione. I prezzi partono da 5400 lei a testa (1.125 euro), aggiunge Marius Zamfir.

 

Se quest’offerta vi ha convinti ad andare a Brașov, non dimenticate di fare una sosta al famoso castello Bran, sito a soli 29 chilometri percorribili in macchina. Potrete ammirare la famosa cittadella medioevale, costruita  nel XIVmo secolo, che attualmente è in uno stato eccezionale, eretta su una roccia a circa 40 metri d’altezza. Il vampiro Dracula è stato spesso associato al castello Bran, però la storia è diversa. Bogdana Balmuș, rappresentante del Castelllo Bran, afferma che segue un anno speciale. "Nel 2020 ricorrono 100 anni da quando la regina Maria è entrata in possesso del castello. Nel 1920, il consiglio cittadino di Brașov ha regalato alla regina il terreno di Bran, in segno di riconoscimento del suo fondamentale contributo alla realizzazione dell’unificazione dei principati romeni. Esiste una serie di eventi che si svolgono al castello Bran e sono diventati già una tradizione: il Festival di Jazz, a fine agosto, i concerti sul lago, la mostra mondiale di gatti, le fiere delle quattro stagioni. Nel 2020, vista l’importante riccorrenza, organizzeremo ancora più eventi, che saranno resi pubblici per tempo e ai  quali, ovviamente, vi aspettiamo calorosamente”, assicura Bogdana Balmuș.

 

E siete attesi già dal primo giorno dell’anno, ad un vero e proprio banchetto. "Bran è una zona speciale, la gente è molto ospitale e le tradizioni si sono conservate bene. Non rimpiangerete di aver scelto questa destinazione: l’aria è fresca e i paesaggi eccezionali. Il Ristorante del castello Bran ha preparato piatti speciali di festa. Possiamo cominciare dal 1 gennaio, quando aspettiamo tutti a prendere la cosiddetta ciorbă de potroace (una minestra acida), affinché l’inizio del nuovo anno sia squisito ed energizzante. D’altronde, per tutto il periodo invernale, i cuochi del ristorante preparano piatti tradizionali dai quali non mancano i prodotti a base di carne di maiale e spezie nelle versioni tipiche della Transilvania. Ad esempio, abbiamo piatti freddi, con preparati stagionali rustici: caltaboș e sângerete (specie di salsicce a base di organi di maiale e di sangue), ciccioli e formaggi vari. Al primo piatto abbiamo carne di maiale cotta con paprika affumicata e ragù di peperoni sott’accetto e sedano, servita con polenta alla crema di formaggio di Bran e polvere di cumino. Come dolce, abbiamo una specie di colivă (un dolce a base di grano cotto) presentata in una forma speciale con miele e un infuso di aglio e caffé", aggiunge Bogdana Balmuș.

 

Il turismo balneoclimatico, un settore molto sviluppato in Romania, si svolge in forma continuata. Anche a Capodanno. Potete passare la notte di Capodanno e poi godervi le proprietà curative di una stazione balneoclimatica. Stavolta parliamo delle Terme di Felix. "Per il Capodanno, alle Terme di Felix, abbiamo pacchetti di cinque, sei e sette notti, dal 27 dicembre al 5 gennaio. I prezzi partono da 7600 lei per una camera doppia (1580 euro). La tariffa è per famiglia, non a testa. Il pacchetto include alloggio e piccola colazione, cena in stile buffet, la cena di benvenuto il 29 dicembre, la Festa delle Tradizioni Romene, una serata tipica il 30. Segue, il 31 dicembre, una festa tematica di Capodanno con menu speciale. Il 1 gennaio è prevista una nuova festa tematica con musica dal vivo. Fino alla partenza, i turisti sono invitati a diverse attività di intrattenimento all’interno del complesso turistico, oppure nella stazione", dice ancora Marius Zamfir.


www.rri.ro
Publicat: 2019-12-26 17:56:00
Vizualizari: 800
TiparesteTipareste