Ascolta RRI in diretta!

Ascolta Radio Romania Internazionale dal vivo

Il Galà Green Report – premi per la sostenibilità ecologica

Se non si fa adesso, non ci sarà più tempo. Se non lo facciamo noi, non ci sarà più nessuno che lo faccia.

Il Galà Green Report – premi per la sostenibilità ecologica
Il Galà Green Report – premi per la sostenibilità ecologica

, 26.03.2022, 18:00

“Se non si fa adesso, non ci sarà più tempo. Se non lo facciamo noi, non ci sarà più nessuno che lo faccia”. Questo il motto della prima edizione del Galà Green Report, organizzato allinizio di questanno. Si tratta dellemergenza climatica e dei problemi ecologici di cui tutti siamo consapevoli, problemi che la pubblicazione online Green Report continua a segnalare da 15 anni, dalla sua fondazione. Ma nelle sue pagine virtuali non si parla solo di problemi, bensi anche di soluzioni, la maggioranza trovate da ong ambientali, ma anche da iniziative daffari. Infatti, i premi Green Report, assegnati nellambito del recente galà, segnalano il modo in cui i problemi ambientali cominciano ad essere affrontati tramite progetti economici e sostenibili in Romania. I progetti premiati appartengono alle associazioni non governative, al mondo daffari e alle autorità locali, e dei criteri per la nomination ci ha parlato Raluca Fișer, la presidente dellAssociazione Green Revolution, promotrice del Green Report. “Siamo riusciti ad assegnare 12 premi a 12 categorie, e alla categoria economia circolare ci sono stati due vincitori, uno dal settore delle compagnie e laltro dalla società civile, ossia unong con ottimi progetti di economia circolare. Sono stati, quindi, assegnati 12 premi e i progetti iscritti nella competizione sono stati 94, mentre le compagnie o associazioni partecipanti sono state 54. Per una prima edizione, siamo stati estremamente felici e contenti della qualità dei progetti e della diversità di coloro che si sono iscritti. E crediamo sia un ottimo segnale del mercato che il mondo abbia cominciato a capire che lo sviluppo sostenibile è parte integrante di qualsiasi piano daffari e del pensiero strategico per lapproccio al mercato.”


Sempre il Galà Green Report ha messo in evidenza levoluzione dellecologia romena nei 15 di esistenza della pubblicazione online. “Il tema della tutela ambientale ha superato la zona dellattivismo delle ong ed è diventato unemergenza globale. E ciò che detta lagenda europea e globale. Vogliamo mostrare che leconomia circolare e lo sviluppo sostenibile sono parte integrante del mondo daffari. Lecologia non significa che tutti mangiano solo insalata e passeggiano per la foresta. Qui si tratta semplicemente di tecnologia ed efficienza nellutilizzo delle nostre risorse limitate. Crediamo fortemente che lo sviluppo sostenibile debba essere integrato in qualsiasi affare perchè offre una moltitudine di vantaggi competitivi, di posizionamento, di reputazione. E, innanzittutto, uno, come manager di azienda, deve avere questa responsabilità per la comunità in cui svolge la propria attività. Limplicazione nella comunità, in una forma o unaltra, e la cura per lambiente circostante diventano cosi importanti che, se uno non le ha in vista, possono portare unimpresa al fallimento”, ha spiegato Raluca Fișer.



La star del Galà Green Report è stata long “Atelier senza frontiere”, con 2 premi vinti e una nomination. I premi sono stati assegnati alle categorie “Eccellenza nellEconomia Circolare” alla piattaforma educlick ed “Eccellenza nellAgri-Food” alla fattoria sociale bio&co. Dei progetti vincitori ci parla adesso la direttrice di programmi di Atelier senza frontiere, Lorita Constantinescu. “Noi abbiamo vinto alla categoria economia circolare con il nostro progetto EduClick. Con questo progetto, raccogliamo rifiuti elettrici ed elettronici e ricondizioniamo computer. Li rendiamo di nuovo funzionanti per donarli alle scuole delle zone meno sviluppate che non hanno accesso a fondi per dotarsi il laboratorio di informatică. Da quando è iniziata la pandemia praticamente i computer sono stati inviati alle scuole e le scuole li hanno dati ai bambini che non avevano un computer a casa affinchè potessero continuare la scuola online. Infatti, ad Atelier senza frontiere, la componente sociale è la più importante per noi. Questa è la nostra missione sociale, lintegrazione delle persone vulnerabili sul mercato del lavoro. Praticamente, Atelier senza frontiere è nata nel 2008 ed EduClick è stato il primo atelier creato. Tutto ciò che abbiamo fatto è stato creare le condizioni per la reingrazione di queste persone. Le assumiamo con libro di lavoro nei nostri atelier e, per due anni quanto restano con noi, partecipano a un programma di accompagnamento socio-professionale grazie al quale acquisiscono le abilità necessarie per ottenere un posto di lavoro. Alla fine li sosteniamo affinchè trovino un impiego.”



Del resto, non è lunico progetto con cui Atelier senza frontiere ha dimostrato che lecologia è accompagnata dalla filantropia e dalla mutualità sociale. Per la categoria “Eccellenza nellInnovazione Ambientale”, long ha ricevuto una nomination per latelier Remesh, in cui banner di plastica vengono recuperati e trasformati in accessori come borse e portafogli. Come nel caso del progetto EduClick, in questo atelier vengono assunte persone a disagio. Di nuovo, unimpresa sociale con ramificazioni ecologiche, simile allaltro progetto per cui Atelier senza frontiere è stato premiato. Si tratta del terzo atelier dellassociazione, una fattoria sociale, dove viene coltivata verdura che viene venduta tramite la filiera corta, nel paesino Ciocănari, a circa 30 da Bucarest.



Si tratta del terzo atelier dellassociazione, una fattoria sociale, dove coltiviamo verdura che vendiamo tramite la filiera corta. Qualche anno fa, abbiamo voluto sostenere le persone vulnerabili affinchè si integrassero sul mercato del lavoro e nella zona rurale. Se i primi due atelier – EduClick e Remash – si sono svolti a Bucarest, abbiamo voluto fare qualcosa anche per quelli della zona rurale e siamo andati non molto lontano da Bucarest affinchè laccesso sia più facile. Si tratta del paesino Ciocănari, a circa 30 da Bucarest, dove abbiamo affittato un terreno. Là cera una comunità vulnerabile dalla quale abbiamo assunto persone. Il terreno labbiamo convertito per fare agricoltura organica, abbiamo ottenuto dopo circa 3 anni il certificato biologico e attualmente coltiviamo 80 varietà di verdure. Poi le vendiamo tramite la filiera corta grazie a un sistema di abbonamento diretto con i consumatori. Nel giorno di consegna, essi ricevono, ogni settimana, la cassetta di verdure ordinata”, ha raccontato Lorita Constantinescu.



La fattoria di Ciocănari ha attualmente poco più di 90 abbonati, ma long Atelier senza frontiere spera che questo modello sis adottato da un sempre maggior numero di imprese.




Foto: pixabay.com
La società sabato, 08 Giugno 2024

La società civile sostiene l’istruzione nelle zone rurali

Allora e laddove l’intervento istituzionale e ufficiale delle autorità si lascia attendere, i romeni riescono a fornire questo aiuto che...

La società civile sostiene l’istruzione nelle zone rurali
Riciclo (fonte foto pixabay com alexas fotos)
La società giovedì, 30 Maggio 2024

Il girotondo del riciclo in Romania

La Romania è fanalino di coda in Europa per quanto riguarda il riciclo. Siccome l’Unione Europea ha chiesto a tutti gli Stati membri di...

Il girotondo del riciclo in Romania
Carmen Uscatu e Oana Gheorghiu (sursa foto: Facebook /
La società venerdì, 17 Maggio 2024

Ospedale “Regala vita”, aperto a Bucarest

L’ospedale “Regala vita”, di Bucarest, ha iniziato a funzionare di fatto a metà aprile. Sono già 50 i bambini trasferiti dai...

Ospedale “Regala vita”, aperto a Bucarest
Foto:' pixabay.com
La società giovedì, 25 Aprile 2024

Obesità in Romania

L’obesità – caratterizzata da un aumento del peso corporeo dovuto al tessuto adiposo – non è solo una questione di aspetto fisico o di...

Obesità in Romania
La società mercoledì, 17 Aprile 2024

Come pensano i giovani in un anno elettorale

In un anno elettorale estremamente importante – segnato dalle elezioni presidenziali, europee, amministrative e politiche-, il gruppo civico...

Come pensano i giovani in un anno elettorale
La società martedì, 02 Aprile 2024

Veronica

Si chiamava Veronica Popa ed era una delle tante madri single senza mezzi finanziari in Romania. Le era stato diagnosticato un cancro in stadio...

Veronica
La società mercoledì, 27 Marzo 2024

I romeni e la lettura

“L’unica cosa che devi sapere è dov’è la biblioteca” – queste parole, attribuite ad Albert Einstein, erano un vero...

I romeni e la lettura
La società venerdì, 15 Marzo 2024

I romeni e l’addestramento militare volontario

“Paese, paese, vogliamo soldati!” No, non è il leitmotiv di uno dei giochi preferiti di tanti bambini nella Romania comunista! Potrebbe...

I romeni e l’addestramento militare volontario

Partenariati

Muzeul Național al Țăranului Român Muzeul Național al Țăranului Român
Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS
Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online
Institului European din România Institului European din România
Institutul Francez din România – Bucureşti Institutul Francez din România – Bucureşti
Muzeul Național de Artă al României Muzeul Național de Artă al României
Le petit Journal Le petit Journal
Radio Prague International Radio Prague International
Muzeul Național de Istorie a României Muzeul Național de Istorie a României
ARCUB ARCUB
Radio Canada International Radio Canada International
Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti” Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti”
SWI swissinfo.ch SWI swissinfo.ch
UBB Radio ONLINE UBB Radio ONLINE
Strona główna - English Section - polskieradio.pl Strona główna - English Section - polskieradio.pl
creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti
italradio italradio
Institutul Confucius Institutul Confucius
BUCPRESS - știri din Cernăuți BUCPRESS - știri din Cernăuți

Affiliazioni

Euranet Plus Euranet Plus
AIB | the trade association for international broadcasters AIB | the trade association for international broadcasters
Digital Radio Mondiale Digital Radio Mondiale
News and current affairs from Germany and around the world News and current affairs from Germany and around the world
Comunità radiotelevisiva italofona Comunità radiotelevisiva italofona

Provider

RADIOCOM RADIOCOM
Zeno Media - The Everything Audio Company Zeno Media - The Everything Audio Company