Ascolta RRI in diretta!

Ascolta Radio Romania Internazionale dal vivo

Le sfide della migrazione e la violenza contro le donne

Firmatara della Convenzione del Consiglio dEuropa sul contrasto della violenza contro le donne, la Romania ha dal 2012 anche una legge contro la violenza in famiglia.

Le sfide della migrazione e la violenza contro le donne
Le sfide della migrazione e la violenza contro le donne

, 05.10.2017, 16:59

Firmatara della Convenzione del Consiglio d’Europa sul contrasto della violenza contro le donne, la Romania ha dal 2012 anche una legge contro la violenza in famiglia che prevede anche il rilascio di ordine di protezione contro gli aggressori. Tuttavia, le statistiche non sono molto incoraggianti: il 30% delle romene hanno subito una forma di violenza fisica e/o sessuale e solo il 23% di loro hanno riferito alla polizia gli incidenti più gravi.



D’altronde, la violenza contro le donne è, purtroppo, un fenomeno molto più diffuso in Europa di quanto si potesse credere a prima vista. Jurgita Peciuriene, specialista presso l’Istituto Europeo per la Parità di Genere, – agenzia dell’UE con sede a Vilnius –, ci offre i più recenti dati in merito: Secondo i dati provenienti dall’Agenzia UE per i Diritti Fondamentali, il 33% delle donne hanno subito varie forme di violenza fisica o sessuale dall’età di 18 anni. Il 18% delle donne sono state inseguite per essere aggredite, mentre il 55% hanno attraversato episodi di molestia sessuale. Per quanto riguarda la molestia sessuale, in generale sono gli uomini che hanno una posizione superiore quelli che praticano la molestia. Nel caso della violenza domestica, il più delle volte le donne soffrono a causa delle azioni del partner, che si tratti di quello attuale o di quello precedente. Purtroppo, è un fenomeno molto diffuso, e la casa non è il posto più sicuro per le donne.



Nel caso delle donne che lasciano la Romania per un posto di lavoro o una vita migliore in altri Paesi dell’UE, la violenza assume aspetti specifici e molto diversi rispetto alle aspettative iniziali. Silvia Dumitrache, Presidente dell’Associazione delle Donne Romene d’Italia, ci introduce nel mondo delle donne afflitte dal fenomeno della violenza: Molte delle donne che arrivano in Italia sono vittime della violenza domestica già dalla Romania. Uno dei principali motivi per cui molte lasciano la Romania è proprio questo. Una prima forma di violenza attraversata dalle donne che emigrano succede proprio in Romania, nel senso che devono staccarsi dalla famiglia e dai figli. Non tutte le donne ne sono consapevoli, loro hanno comunque l’istinto del sacrificio e, spesso, non hanno altra scelta. Un’altra forma di violenza è il fatto che vivono isolate, chiuse in casa, senza accesso alla vita sociale e alla vita privata. Mi riferisco a quelle che lavorano come badanti nelle case degli italiani. Hanno solo un giorno libero alla settimana, ma non riescono ad avere una vita privata. A volte lavorano anche in nero, che è ancora un’altra forma di violenza.



Molte romene in Italia sono vittime di un tipo speciale di violenza: il traffico di esseri umani a scopi di lavoro. Una parte dei loro casi — che si possono facilmente descrivere come schiavitù moderna — sono stati presentati anche sulla stampa internazionale, soprattutto quelli in provincia di Ragusa, in Sicilia. Silvia Dumitrache: In quella zona la maggior parte sono donne. Purtroppo, la maggior parte delle donne sono di origine romena. Vivono in condizioni difficili da immaginare, in abitazioni improvvisate con pareti di cartone, a volte assieme ai figli. In Sicilia, non hanno accesso neanche all’acqua potabile a volte, né a internet per comunicare, informarsi e chiedere aiuto. Vivono isolate a molti chilometri dalla prima località. Non hanno accesso a unità sanitarie. I bambini non sono iscritti a scuola. Inoltre, dato che questo modo di abitare non è riconosciuto come tale in Italia, queste persone non hanno neanche documenti legali di soggiorno. Non esistono neanche, dal punto di vista delle autorità italiane.



Sabina è partita dalla Romania per la Spagna nel 2003, quando ha lasciato un lavoro di docente di geografia per seguire suo marito. Nei 14 anni passati da allora, è arrivata a lavorare, a Madrid, presso un centro di recupero per le donne vittime della violenza domestica. Vi ha conosciuto da vicino i problemi delle donne maltrattate e, soprattutto grazie alla direttrice del centro, è riuscita a spiegarsi anche le proprie sofferenze. Sabina racconta: Anch’io ho attraversato una situazione abbastanza difficile, però non sono arrivata in alcun centro di recupero o rifugio, anche se mi è stata fatta una simile offerta. Noi, romene, siamo educate così, non importa quello che succede, non andiamo alla polizia, non facciamo denunce, non diciamo a nessuno ciò che ci accade … Io sono riuscita a superare questo e a raccontare la mia storia, quello che ho subito. E’ stato un caso di violenza domestica psicologica. In Romania, avevo frequentato una facoltà. Sono arrivata in Spagna e non più fatto il mestiere per il quale mi ero preparata e ciò è arrivato a deprimermi un po’. Sono venuta qui contro voglia ed ero sola, sena parenti. Dovevo fare solo quello che mi si chiedeva di fare, c’erano sempre liti…



La sua vita era dominata dall’ex marito, considera ora Sabina. Come è riuscita a liberarsene? Prima di tutto, ha ricevuto consigli psicologici, come continua a raccontarci lei stessa: La mia coordinatrice mi ha mandata a fare terapia. Ho dovuto parlare con uno psicologo specializzato in violenza domestica. Così ho saputo che problema avevo, perché fino allora non ne ero consapevole. Qui ho pensato che i problemi legati al denaro, ai figli, allo stress quotidiano, ai problemi adiacenti — come ad esempio il fatto che non vivevamo soli nello stesso appartamento — mi impedivano a rendermi conto di ciò che stavo attraversando. Ero costretta in qualche modo a chiudermi in me stessa, perché se cominciavo a raccontarlo ai genitori, alla sorella o ai suoceri ciò che stavo vivendo, mi avrebbero accusato di essere pazza o cattiva. Ho visto tanti casi nei cinque anni da quando lavoro per questa signora, ho scoperto molte storie di vita delle donne. Nel momento in cui dipendi emozionalmente da una certa persona — nel mio caso, dall’ex marito — e cerchi di far sì che non succedano brutte cose per cola tua — pensando di esserne responsabile –, tutto ciò ti fa scordarti di te stessa e metterti all’ultimo posto.



Oltre a questi effetti emozionali e psichici, la violenza contro le donne ha anche conseguenze economiche. Stando all’Istituto Europeo per la Parità di Genere, solo i costi della violenza domestica ammontano a 109 miliardi di euro all’anno e includono il costo dell’assistenza medica, dei servizi specializzati di protezione delle donne e anche i costi economici legati all’assenza dal lavoro. (tr. G.P.)

Foto: pixabay.com
La società sabato, 08 Giugno 2024

La società civile sostiene l’istruzione nelle zone rurali

Allora e laddove l’intervento istituzionale e ufficiale delle autorità si lascia attendere, i romeni riescono a fornire questo aiuto che...

La società civile sostiene l’istruzione nelle zone rurali
Riciclo (fonte foto pixabay com alexas fotos)
La società giovedì, 30 Maggio 2024

Il girotondo del riciclo in Romania

La Romania è fanalino di coda in Europa per quanto riguarda il riciclo. Siccome l’Unione Europea ha chiesto a tutti gli Stati membri di...

Il girotondo del riciclo in Romania
Carmen Uscatu e Oana Gheorghiu (sursa foto: Facebook /
La società venerdì, 17 Maggio 2024

Ospedale “Regala vita”, aperto a Bucarest

L’ospedale “Regala vita”, di Bucarest, ha iniziato a funzionare di fatto a metà aprile. Sono già 50 i bambini trasferiti dai...

Ospedale “Regala vita”, aperto a Bucarest
Foto:' pixabay.com
La società giovedì, 25 Aprile 2024

Obesità in Romania

L’obesità – caratterizzata da un aumento del peso corporeo dovuto al tessuto adiposo – non è solo una questione di aspetto fisico o di...

Obesità in Romania
La società mercoledì, 17 Aprile 2024

Come pensano i giovani in un anno elettorale

In un anno elettorale estremamente importante – segnato dalle elezioni presidenziali, europee, amministrative e politiche-, il gruppo civico...

Come pensano i giovani in un anno elettorale
La società martedì, 02 Aprile 2024

Veronica

Si chiamava Veronica Popa ed era una delle tante madri single senza mezzi finanziari in Romania. Le era stato diagnosticato un cancro in stadio...

Veronica
La società mercoledì, 27 Marzo 2024

I romeni e la lettura

“L’unica cosa che devi sapere è dov’è la biblioteca” – queste parole, attribuite ad Albert Einstein, erano un vero...

I romeni e la lettura
La società venerdì, 15 Marzo 2024

I romeni e l’addestramento militare volontario

“Paese, paese, vogliamo soldati!” No, non è il leitmotiv di uno dei giochi preferiti di tanti bambini nella Romania comunista! Potrebbe...

I romeni e l’addestramento militare volontario

Partenariati

Muzeul Național al Țăranului Român Muzeul Național al Țăranului Român
Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS
Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online
Institului European din România Institului European din România
Institutul Francez din România – Bucureşti Institutul Francez din România – Bucureşti
Muzeul Național de Artă al României Muzeul Național de Artă al României
Le petit Journal Le petit Journal
Radio Prague International Radio Prague International
Muzeul Național de Istorie a României Muzeul Național de Istorie a României
ARCUB ARCUB
Radio Canada International Radio Canada International
Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti” Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti”
SWI swissinfo.ch SWI swissinfo.ch
UBB Radio ONLINE UBB Radio ONLINE
Strona główna - English Section - polskieradio.pl Strona główna - English Section - polskieradio.pl
creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti
italradio italradio
Institutul Confucius Institutul Confucius
BUCPRESS - știri din Cernăuți BUCPRESS - știri din Cernăuți

Affiliazioni

Euranet Plus Euranet Plus
AIB | the trade association for international broadcasters AIB | the trade association for international broadcasters
Digital Radio Mondiale Digital Radio Mondiale
News and current affairs from Germany and around the world News and current affairs from Germany and around the world
Comunità radiotelevisiva italofona Comunità radiotelevisiva italofona

Provider

RADIOCOM RADIOCOM
Zeno Media - The Everything Audio Company Zeno Media - The Everything Audio Company