Ascolta RRI in diretta!

Ascolta Radio Romania Internazionale dal vivo

Quali mestieri preferiscono gli studenti liceali romeni?

Anche gli studenti liceali in Romaniasono consapevoli che la rivoluzione digitale cambierà il volto del mondo e che, nei prossimi decenni, grazie a nuove tecnologie e alle evoluzioni dell'economia, compariranno nuovi mestieri per cui dovrebbero preparasi.

Quali mestieri preferiscono gli studenti liceali romeni?
Quali mestieri preferiscono gli studenti liceali romeni?

, 19.02.2019, 18:36

Anche gli studenti liceali in Romania hanno capito limportanza della connessione e sono consapevoli che la rivoluzione digitale cambierà il volto del mondo e che, nei prossimi decenni, grazie alle nuove tecnologie e alle evoluzioni delleconomia, compariranno nuovi mestieri per cui dovrebbero prepararsi. Secondo un sondaggio demoscopico realizzato dallINACO – lIniziativa per la Competitività, nellambito del progetto “La Guida ai Mestieri dei Futuro”, la maggioranza degli studenti liceali vogliono lavorare nel settore dellIT, come racconta Andreea Paul, la presidente dellAssociazione INACO.



“Due su tre studenti liceali ritengono che i nuovi mestieri del futuro vengano dal settore della robotica, dellintelligenza artificiale, dei computer e della stampa 3D. È a questi che sognano i giovani romeni. Certo che quella Guida ai Mestieri dei Futuro li ha incentivati, ha aperto loro nuove finestre di opportunità, li ha aiutati a capire le implicazioni delle nuove tecnologie 4.0 sul mercato del lavoro. Li ha aiutati a capire che esse si applicano in assolutamente tutti i settori, dallarte fino alla medicina. Gli studenti liceali hanno capito che la loro vita sarà più facile, che lavoreremo in modo più intelligente, più creativo, che hanno bisogno di nuove abilità sul mercato del lavoro del futuro. Ciò che credo vi sorprenderà a questo sondaggio, oltre al settore dellIT e della medicina, che sembrano molto attraenti per gli studenti liceali, saranno i risultati che riguardano la voglia dei giovani di entrare nellesercito e nella polizia. In questo caso le percentuali sono due volte maggiori che nel caso dellistruzione. In questo sondaggio sono apparsi anche mestieri esotici, come il pilota di droni o il minatore spaziale. Credo che sia unispirazione tratta dalla Guida ai Mestieri del Futuro, certo è che essi lanciano un forte segnale che listruzione dei nostri giorni è totalmente sconnessa dal mercato del lavoro del futuro”, ha spiegato Andreea Paul.



Gli specialisti dellAssociazione INACO considerano che la Romania sia totalmente impreparata per questo futuro, al capitolo istruzione. Ma, tramite il progetto « La Guida ai Mestieri del Futuro », lanciata lo scorso autunno, la comunità di professionisti INACO vuole mostrare ai giovani come cambierà il mondo nei prossimi anni, in che settori compariranno nuovi mestieri, ma anche le migliori previsioni sulleconomia e sul mercato del lavoro. Già alcune scuole nel Paese sono state dotate di tecnologia moderna e il progetto continua, come racconta Andreea Paul. “Siamo in una fase avanzata delle discussioni con lIspettorato Scolastico di Bucarest per creare i primi laboratori intelligenti 4.0 a Bucarest. Pensiamo di farlo, questanno, in 18 unità scolastiche e persino a Costanza e Călărași. Un laboratorio SMART LAB 4.0 deve avere 6 stampe 3D, un scanner 3D, due robot educativi multifunzionanti, equipaggiamenti esterni di realtà virtuale, software attinenti, i materiali consumabili necessari per il primo anno di funzionamento e la manutenzione assicurata per il primo anno di funzionamento. Ma, altrettanto essenziale è anche il training degli insegnanti, e abbiamo in vista tre insegnanti per ciascuna unità scolastica implicata nel programma. Il secondo passo, che questa volta solleciteremo al Ministero dellIstruzione, è che sia creato in sistema di urgenza il Gruppo di lavoro per leducazione del futuro. Cosicchè, lanno prossimo, possiamo discutere di un programma nazionale di dotazione delle scuole con queste nuove tecnologie. I laboratori intelligenti 4.0 sono altrettanto importanti ai nostri giorni come i laboratori di fisica, chimica, informatica, geografia, biologia con cui ci siamo abituati nella scuola romena. »



Anche Marian Staş, esperto di educazione, ritiene che il sistema di insegnamento in Romania vada cambiato al fine di creare una scuola più attraente, in cui lallievo sia determinato a imparare e appassionarsi a ciò che fa.



“La scuola funziona con il freno tirato, fortemente inadeguata alle esigenze reali della società e di ciascun bambino. E parlo di due dimensioni diverse : dellinsegnamento superiore e dellinsegnamento preuniversitario. Forse linsegnamento superiore è un pò più focalizzato, anche se ho delle riserve in merito, ma, sicuramente linsegnamento preuniversitario non ha niente a che fare con i bisogni reali di sviluppo dei bambini. È, in realtà, un insegnamento progettato in modo sindacalistico, paralizzato nel suo precedente paradigma comunista, senza alcun legame con i bisogni reali, autentici della società e dei giovani per il futuro. Attualmente, linsegnamento preuniversitario è in tal modo progettato che gli insegnanti abbiano un target di ore lavorate e stipendi, anzichè vada tutto bene per i bambini. Donde questa follia di 15 -16 -18 discipline per semestre, donde la follia delle lezioni private impartite dagli insegnanti ai propri allievi, la follia della valutazione nazionale alla fine dellottava classe, che è, infatti, irrilevante, perchè le prove di esame sono semplicissime e non ne risulta una vera gerarchia ecc. », ha detto Marian Staş.



In Romania, solo il 3% degli allievi sono olimpionici, il 42% non capiscono ciò che leggono, e il tasso di abbandono scolastico resta uno dei più alti nellUe. Per ora, il neo ministro dellIstruzione, rieletto per la quarta volta nellincarico, vuole continuare la riforma con una nuova Legge sullIstruzione. Si parla, tra laltro, delleliminazione del libro di testo unico, del passaggio allesame di maturità differenziato o allesame alla fine della decima classe.




Foto: pixabay.com
La società sabato, 08 Giugno 2024

La società civile sostiene l’istruzione nelle zone rurali

Allora e laddove l’intervento istituzionale e ufficiale delle autorità si lascia attendere, i romeni riescono a fornire questo aiuto che...

La società civile sostiene l’istruzione nelle zone rurali
Riciclo (fonte foto pixabay com alexas fotos)
La società giovedì, 30 Maggio 2024

Il girotondo del riciclo in Romania

La Romania è fanalino di coda in Europa per quanto riguarda il riciclo. Siccome l’Unione Europea ha chiesto a tutti gli Stati membri di...

Il girotondo del riciclo in Romania
Carmen Uscatu e Oana Gheorghiu (sursa foto: Facebook /
La società venerdì, 17 Maggio 2024

Ospedale “Regala vita”, aperto a Bucarest

L’ospedale “Regala vita”, di Bucarest, ha iniziato a funzionare di fatto a metà aprile. Sono già 50 i bambini trasferiti dai...

Ospedale “Regala vita”, aperto a Bucarest
Foto:' pixabay.com
La società giovedì, 25 Aprile 2024

Obesità in Romania

L’obesità – caratterizzata da un aumento del peso corporeo dovuto al tessuto adiposo – non è solo una questione di aspetto fisico o di...

Obesità in Romania
La società mercoledì, 17 Aprile 2024

Come pensano i giovani in un anno elettorale

In un anno elettorale estremamente importante – segnato dalle elezioni presidenziali, europee, amministrative e politiche-, il gruppo civico...

Come pensano i giovani in un anno elettorale
La società martedì, 02 Aprile 2024

Veronica

Si chiamava Veronica Popa ed era una delle tante madri single senza mezzi finanziari in Romania. Le era stato diagnosticato un cancro in stadio...

Veronica
La società mercoledì, 27 Marzo 2024

I romeni e la lettura

“L’unica cosa che devi sapere è dov’è la biblioteca” – queste parole, attribuite ad Albert Einstein, erano un vero...

I romeni e la lettura
La società venerdì, 15 Marzo 2024

I romeni e l’addestramento militare volontario

“Paese, paese, vogliamo soldati!” No, non è il leitmotiv di uno dei giochi preferiti di tanti bambini nella Romania comunista! Potrebbe...

I romeni e l’addestramento militare volontario

Partenariati

Muzeul Național al Țăranului Român Muzeul Național al Țăranului Român
Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS
Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online
Institului European din România Institului European din România
Institutul Francez din România – Bucureşti Institutul Francez din România – Bucureşti
Muzeul Național de Artă al României Muzeul Național de Artă al României
Le petit Journal Le petit Journal
Radio Prague International Radio Prague International
Muzeul Național de Istorie a României Muzeul Național de Istorie a României
ARCUB ARCUB
Radio Canada International Radio Canada International
Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti” Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti”
SWI swissinfo.ch SWI swissinfo.ch
UBB Radio ONLINE UBB Radio ONLINE
Strona główna - English Section - polskieradio.pl Strona główna - English Section - polskieradio.pl
creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti
italradio italradio
Institutul Confucius Institutul Confucius
BUCPRESS - știri din Cernăuți BUCPRESS - știri din Cernăuți

Affiliazioni

Euranet Plus Euranet Plus
AIB | the trade association for international broadcasters AIB | the trade association for international broadcasters
Digital Radio Mondiale Digital Radio Mondiale
News and current affairs from Germany and around the world News and current affairs from Germany and around the world
Comunità radiotelevisiva italofona Comunità radiotelevisiva italofona

Provider

RADIOCOM RADIOCOM
Zeno Media - The Everything Audio Company Zeno Media - The Everything Audio Company