Ascolta RRI in diretta!

Ascolta Radio Romania Internazionale dal vivo

MERITO, una comunità di insegnanti meritevoli

Lanciato nel 2015 da un gruppo di imprenditori riuniti nell'associazione Romanian Business Leaders, il progetto Merito premia, al suo galà annuale, i docenti dell'istruzione pre-universitaria.

MERITO, una comunità di insegnanti meritevoli
MERITO, una comunità di insegnanti meritevoli

, 30.10.2022, 19:26

Lanciato nel 2015 da un gruppo di imprenditori riuniti nellassociazione Romanian Business Leaders, il progetto Merito premia, al suo galà annuale, i docenti dellistruzione pre-universitaria. Nellanno in cui è stato concepito questo progetto, secondo uno studio dellOCSE, poco più del 40% dei docenti in Romania rietenva che il proprio lavoro non fosse apprezzato dalla società. Così Merito è apparso anche per dimostrare ai docenti lopposto, spiega Cosmin Chiriță, il project manager.



“Abbiamo avviato il progetto con lintenzione di riconoscere quei preziosi docenti nellintero Paese, proprio per evidenziare gli esempi positivi degli insegnanti in uno spazio mediatico in cui cerano allepoca molti esempi negativi. E ci siamo resi conto che ci sono anche questi esempi positivi che meritano di essere sotto i riflettori. Nonostante gli esempi negativi nel sistema educativo, ci sono quegli insegnanti appassionati ededicati che svolgono il loro lavoro per vocazione e che aprono gli orizzonti dellapprendimento per gli studenti e che meritano di essere portati alla ribalta e presentati come modelli positivi. Chiunque può raccomandarci un tale docente dellistruzione pre-universitaria pubblica in Romania, sul nostro sito web. Questa è una delle fonti da cui otteniamo questi consigli e la seconda fonte sono le comunità locali, ci rivolgiamo alla rete di insegnanti Merito per ottenere simili raccomandazioni. Poi arriva il nostro processo di selezione, che dura quasi un anno, con la documentazione online e in loco. Abbiamo anche alcuni criteri riguardanti le cose che fanno fuori classe, in che misura collaborano con altri insegnanti o lavorano con altri studenti o hanno un impatto sulle comunità svantaggiate. Sono criteri che essenzialmente riassumono ciò che riteniamo costituisca il profilo dellinsegnante meritevole e con performance che, speriamo, trasformerà anche il sistema educativo nella direzione che tutti vogliamo”.



Oltre alla premiazione allannuale Galà Merito, i docenti prescelti entrano in una comunità dove possono scambiare esperienze e migliorare le proprie prestazioni in classe. In che modo impariamo sempre dal manager Cosmin Chiriță. “Man mano, nel tempo, abbiamo iniziato a sviluppare questa comunità di insegnanti di valore, a investire continuamente nel loro sviluppo, questo significa formazione professionale, accesso a esperti dallestero, libri, studi, analisi dallestero, inclusivamente la facilitazione della loro partecipazione a corsi o conferenze rilevanti per il loro sviluppo come professionisti.Vogliamo che trasmettano, dal canto loro, le buone pratiche, i metodi, le competenze acquisite attraverso questi programmi per contribuire alla formazione di altri insegnanti nel sistema. In sostanza, siamo già assistendoalla crescita del livello e della qualità degli insegnanti in Romania, partendo proprio dalla base, nel senso che gli insegnanti imparano dagli insegnanti in queste comunità locali che formiamo attraverso mezzi di apprendimento collaborativo”.



Tra i membri della comunità Merito cè Doru Căstăian, professore di scienze socio-umane al Liceo Dimitrie Cuclin di Galați. Ecco cosa ci ha raccontato del suo metodo di insegnamento. “Una cosa è insegnare educazione sociale a una classe di scuola media e unaltra è insegnare economia o filosofia a ragazzi di 17-18 anni dell11° o della 12° classe. Ma non credo che ci siano metodi speciali adatti alle discipline. Ma cè un pregiudiziopiuttostodannoso in questo senso. Mi è stato spesso detto che riesco a fare certe cose in classe proprio perché le discipline me lo consentono. Se avessi insegnato matematica, fisica o qualche altra disciplina più rigorosa, non avrei potuto fare le cose che ho fatto insegnando scienze socio-umane e le discipline umanistiche. Non credo sia affatto così. Penso che i metodi che si adattano alle discipline umanistiche in generale siano spesso perfettamente adatti anche alle scienze esatte. Agli studenti più grandi insegno a volte in modo molto classico.Penso che anche lesposizione abbia il suo ruolo fondamentale nellinsegnamento, anche se questo metodo didattico antico non sia molto promosso. Penso che si debba evitare leccesso di interattività e di ludicità a tutti i costi perché a volte la mente ha bisogno di cibo serio, sostanzioso e coerente per funzionare. Quindi, non è un problema tenere lezioni, non è un problema invitare i miei studenti a partecipare a polemiche, discussioni argomentative contraddittorie e così via”.



Liliana Olărașu, insegnante di matematica presso la scuola secondaria Vasila Conta di Iași, è considerata uninsegnante atipica perché insegna questa disciplina in modo rigoroso ma “non duro”. Inoltre, ha aiutato alcuni dei suoi studenti che stavano per abbandonare la scuola a non mollare. “Ho avuto alcuni casi. Ricordo il caso di un ragazzo che, purtroppo, non era stato promosso allasesta classe. Era il tipo di bambino che sedeva sullultima panchina, nessuno gli parlava e lui non credeva più in se stesso. Lho avuto come studente nella quinta classe. Non era stato promosso a causa dei voi ottenuti in storia, non in matematica, anche se non eccelleva in matematica. E questo ragazzo suonava molto bene la fisarmonica, ma nessuno lo sapeva. Lavevo scoperto per caso. E lui prendeva lezioni private di teoria musicale. E ricordo che allepoca stavamo anche facendo lezioni di informatica e ho chiesto loro di creare un file PowerPoint sulle loro passioni. E lui ha fatto un lavoro incredibile. Mi ha stupito con le sue cognizioni. Parlando di abbandono scolastico, mancava ogni tanto alle lezioni, ma nel momento in cui ha visto che ho scoperto un altro lato di lui, Cosmin ha iniziato a venire a scuola più spesso. Non ha abbandonato la scuola, è riuscito a frequentarla fino allottava classe. Dobbiamo comunicare con gli studenti in modo tale da capirli, rapportarci ai loro ritmi, ai loro bisogni e farli amare venire a scuola, prima di tutto. Poi imparano”, ci ha raccontato Liliana Olărașu.




Foto: pixabay.com
La società sabato, 08 Giugno 2024

La società civile sostiene l’istruzione nelle zone rurali

Allora e laddove l’intervento istituzionale e ufficiale delle autorità si lascia attendere, i romeni riescono a fornire questo aiuto che...

La società civile sostiene l’istruzione nelle zone rurali
Riciclo (fonte foto pixabay com alexas fotos)
La società giovedì, 30 Maggio 2024

Il girotondo del riciclo in Romania

La Romania è fanalino di coda in Europa per quanto riguarda il riciclo. Siccome l’Unione Europea ha chiesto a tutti gli Stati membri di...

Il girotondo del riciclo in Romania
Carmen Uscatu e Oana Gheorghiu (sursa foto: Facebook /
La società venerdì, 17 Maggio 2024

Ospedale “Regala vita”, aperto a Bucarest

L’ospedale “Regala vita”, di Bucarest, ha iniziato a funzionare di fatto a metà aprile. Sono già 50 i bambini trasferiti dai...

Ospedale “Regala vita”, aperto a Bucarest
Foto:' pixabay.com
La società giovedì, 25 Aprile 2024

Obesità in Romania

L’obesità – caratterizzata da un aumento del peso corporeo dovuto al tessuto adiposo – non è solo una questione di aspetto fisico o di...

Obesità in Romania
La società mercoledì, 17 Aprile 2024

Come pensano i giovani in un anno elettorale

In un anno elettorale estremamente importante – segnato dalle elezioni presidenziali, europee, amministrative e politiche-, il gruppo civico...

Come pensano i giovani in un anno elettorale
La società martedì, 02 Aprile 2024

Veronica

Si chiamava Veronica Popa ed era una delle tante madri single senza mezzi finanziari in Romania. Le era stato diagnosticato un cancro in stadio...

Veronica
La società mercoledì, 27 Marzo 2024

I romeni e la lettura

“L’unica cosa che devi sapere è dov’è la biblioteca” – queste parole, attribuite ad Albert Einstein, erano un vero...

I romeni e la lettura
La società venerdì, 15 Marzo 2024

I romeni e l’addestramento militare volontario

“Paese, paese, vogliamo soldati!” No, non è il leitmotiv di uno dei giochi preferiti di tanti bambini nella Romania comunista! Potrebbe...

I romeni e l’addestramento militare volontario

Partenariati

Muzeul Național al Țăranului Român Muzeul Național al Țăranului Român
Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS
Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online
Institului European din România Institului European din România
Institutul Francez din România – Bucureşti Institutul Francez din România – Bucureşti
Muzeul Național de Artă al României Muzeul Național de Artă al României
Le petit Journal Le petit Journal
Radio Prague International Radio Prague International
Muzeul Național de Istorie a României Muzeul Național de Istorie a României
ARCUB ARCUB
Radio Canada International Radio Canada International
Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti” Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti”
SWI swissinfo.ch SWI swissinfo.ch
UBB Radio ONLINE UBB Radio ONLINE
Strona główna - English Section - polskieradio.pl Strona główna - English Section - polskieradio.pl
creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti
italradio italradio
Institutul Confucius Institutul Confucius
BUCPRESS - știri din Cernăuți BUCPRESS - știri din Cernăuți

Affiliazioni

Euranet Plus Euranet Plus
AIB | the trade association for international broadcasters AIB | the trade association for international broadcasters
Digital Radio Mondiale Digital Radio Mondiale
News and current affairs from Germany and around the world News and current affairs from Germany and around the world
Comunità radiotelevisiva italofona Comunità radiotelevisiva italofona

Provider

RADIOCOM RADIOCOM
Zeno Media - The Everything Audio Company Zeno Media - The Everything Audio Company