Ascolta RRI in diretta!

Ascolta Radio Romania Internazionale dal vivo

Settimana lavorativa di 4 giorni

Più di 20 Paesi del mondo hanno recentemente avviato programmi-pilota per valutare l'efficacia della settimana lavorativa di 4 giorni. Alcuni Paesi hanno persino introdotto ufficialmente opzioni permanenti per la settimana lavorativa di 4 giorni.

Settimana lavorativa di 4 giorni
Settimana lavorativa di 4 giorni

, 01.05.2023, 18:16

Più di 20 Paesi del mondo hanno recentemente avviato programmi-pilota per valutare lefficacia della settimana lavorativa di 4 giorni. Alcuni Paesi hanno persino introdotto ufficialmente opzioni permanenti per la settimana lavorativa di 4 giorni.



I primi dati raccolti sono, in molti casi, promettenti, poiché la riduzione della durata media della settimana lavorativa aiuta i dipendenti a migliorare lequilibrio tra lavoro e vita privata, i livelli di stress e la felicità generale. Paesi come Australia, Islanda, Belgio, Irlanda, Spagna, Canada, Giappone, Svezia, Danimarca, Olanda, Germania, USA hanno testato con successo la settimana lavorativa di 4 giorni. Ma cosa significa in realtà la settimana lavorativa di 4 giorni? Ci sono alcune varianti che propongono la regola dei 4 giorni con 10 ore di lavoro, per rispettare la norma delle 40 ore, invece di 5 giorni con 8 ore – ma lesperimento ha rivelato una grande insoddisfazione per questa formula, perché porterebbe un alto livello di stress. Altre varianti propongono 38 o 36 ore settimanali invece di 32. Inoltre, mentre nella maggior parte dei casi la settimana lavorativa di 4 giorni aggiunge il venerdì al fine settimana, alcune varianti rendono il lunedì il giorno libero in più. Altre varianti propongono per metà dei lavoratori il venerdì libero e per laltra metà il lunedì. Nel Regno Unito, il 92% delle aziende che ha testato la formula di 4 giorni invece di 5, senza aumentare il numero di ore nel programma giornaliero, intende continuare con essa, mentre il 30% la adotterà in modo permanente. Anche se rivoluzionerebbe completamente le dinamiche del mercato del lavoro in Romania, attualmente solo 4 aziende su 10 accetterebbero questa formula di lavoro, secondo un recente sondaggio condotto dalla piattaforma di reclutamento BestJobs.



Dopo gli anni difficili in cui il mercato del lavoro è stato dominato da tendenze come le dimissioni o la riduzione dellimpegno lavorativo, sarebbe gradita questa nuova misura per aumentare la fidelizzazione dei dipendenti. Inoltre, secondo la piattaforma di reclutamento BestJobs, le disposizioni del Codice del Lavoro consentono la ridistribuzione dellattività, a seconda delle specificità dellunità o del lavoro svolto. Cosi, si può anche optare per una distribuzione ineguale dellorario di lavoro, rispettando la normale durata dellorario di lavoro di 40 ore settimanali, quindi la decisione spetta ai datori di lavoro se sono disposti a ridurre il numero di giorni lavorati.



L80% dei dipendenti vuole lavorare solo 4 giorni a settimana, anche nella formula delle 10 ore, secondo il sondaggio BestJobs, ma il 40% dei datori di lavoro teme che questo orario possa influenzare negativamente la capacità di concentrazione delle persone e implicitamente la produttività. Quasi il 35% teme che, a lungo termine, i dipendenti raggiungano lesaurimento a causa dellaumento del carico di lavoro quotidiano, sebbene i risultati dellesperimento internazionale dimostrino il contrario.



Nel giorno libero, gli intervistati affermano che svolgerebbero più attività in famiglia (circa il 60%), si occuperebbero di compiti amministrativi che non possono gestire durante lorario di lavoro (circa il 45%), dedicherebbero più tempo alle proprie passioni e agli hobby (40%) o sceglierebbero di riposare (quasi il 40%). In altre parole, il giorno libero contribuirebbe a uno stile di vita più equilibrato.



Ana Vișian, Marketing Manager di BestJobs, ci ha raccontato: “Proprio come il lavoro a distanza era visto come uneccezione prima della pandemia, così sembra essere ora la settimana lavorativa breve. Non cè da meravigliarsi che una tale tendenza sia così ben accolta dai dipendenti, soprattutto dopo limpatto sul benessere mentale degli ultimi anni. I dipendenti vogliono più tempo libero, per staccarsi dalla pressione del lavoro, dedicarsi alla famiglia e ai propri cari, investire in attività che hanno un impatto sulla salute fisica e mentale, come dichiarano nel sondaggio. I datori di lavoro dovrebbero essere aperti a tale misura, perché sara apprezzata almeno quanto la flessibilità e contribuirà ad attrarre e trattenere dipendenti di valore. Inoltre, si possono trovare formule per la distribuzione dellattività che garantiscano la presenza di una parte dei dipendenti in ufficio tutti i giorni lavorativi, in modo da adattarsi allagenda dei clienti».



I risultati del sondaggio BestJobs mostrano che 4 dipendenti su 10 lavorano in sistema ibrido, mentre il 29% lavora interamente da remoto e il 28% solo dallufficio. Il sistema ibrido è implementato in modo diverso da unazienda allaltra, quindi la maggior parte (37%) lavora solo un giorno dallufficio e 4 da casa. Un altro 20% va in ufficio 3 giorni alla settimana, il 28% due giorni alla settimana e il 14% lavora solo un giorno da casa. Abbiamo parlato con Ana Călugăru, responsabile della comunicazione presso unaltra piattaforma di reclutamento, eJobs Group, su questo argomento, e lei ci ha confermato i risultati del sondaggio citato. “Le aziende in Romania non sono, al momento, aperte allidea della settimana lavorativa di soli 4 giorni. Ci sono stati casi specifici che hanno testato questo modello prima della pandemia, ma, purtroppo, non si è rivelato molto efficace, anzi, le performance dei dipendenti ne hanno risentito, motivo per cui si e tornati allo stile di lavoro classico, quello di 5 giorni. Certo, i datori di lavoro guardano i risultati allestero, guardano i risultati che le aziende allestero hanno con questo modello, soprattutto nel contesto dove, appunto, i dipendenti vogliono avere questo beneficio. Ma sono abbastanza pochi quelli che predono in calcolo lattuazione di una simile misura. Almeno nel prossimo futuro”, ci ha dertto Ana Călugăru.




Foto: pixabay.com
La società sabato, 08 Giugno 2024

La società civile sostiene l’istruzione nelle zone rurali

Allora e laddove l’intervento istituzionale e ufficiale delle autorità si lascia attendere, i romeni riescono a fornire questo aiuto che...

La società civile sostiene l’istruzione nelle zone rurali
Riciclo (fonte foto pixabay com alexas fotos)
La società giovedì, 30 Maggio 2024

Il girotondo del riciclo in Romania

La Romania è fanalino di coda in Europa per quanto riguarda il riciclo. Siccome l’Unione Europea ha chiesto a tutti gli Stati membri di...

Il girotondo del riciclo in Romania
Carmen Uscatu e Oana Gheorghiu (sursa foto: Facebook /
La società venerdì, 17 Maggio 2024

Ospedale “Regala vita”, aperto a Bucarest

L’ospedale “Regala vita”, di Bucarest, ha iniziato a funzionare di fatto a metà aprile. Sono già 50 i bambini trasferiti dai...

Ospedale “Regala vita”, aperto a Bucarest
Foto:' pixabay.com
La società giovedì, 25 Aprile 2024

Obesità in Romania

L’obesità – caratterizzata da un aumento del peso corporeo dovuto al tessuto adiposo – non è solo una questione di aspetto fisico o di...

Obesità in Romania
La società mercoledì, 17 Aprile 2024

Come pensano i giovani in un anno elettorale

In un anno elettorale estremamente importante – segnato dalle elezioni presidenziali, europee, amministrative e politiche-, il gruppo civico...

Come pensano i giovani in un anno elettorale
La società martedì, 02 Aprile 2024

Veronica

Si chiamava Veronica Popa ed era una delle tante madri single senza mezzi finanziari in Romania. Le era stato diagnosticato un cancro in stadio...

Veronica
La società mercoledì, 27 Marzo 2024

I romeni e la lettura

“L’unica cosa che devi sapere è dov’è la biblioteca” – queste parole, attribuite ad Albert Einstein, erano un vero...

I romeni e la lettura
La società venerdì, 15 Marzo 2024

I romeni e l’addestramento militare volontario

“Paese, paese, vogliamo soldati!” No, non è il leitmotiv di uno dei giochi preferiti di tanti bambini nella Romania comunista! Potrebbe...

I romeni e l’addestramento militare volontario

Partenariati

Muzeul Național al Țăranului Român Muzeul Național al Țăranului Român
Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS
Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online
Institului European din România Institului European din România
Institutul Francez din România – Bucureşti Institutul Francez din România – Bucureşti
Muzeul Național de Artă al României Muzeul Național de Artă al României
Le petit Journal Le petit Journal
Radio Prague International Radio Prague International
Muzeul Național de Istorie a României Muzeul Național de Istorie a României
ARCUB ARCUB
Radio Canada International Radio Canada International
Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti” Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti”
SWI swissinfo.ch SWI swissinfo.ch
UBB Radio ONLINE UBB Radio ONLINE
Strona główna - English Section - polskieradio.pl Strona główna - English Section - polskieradio.pl
creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti
italradio italradio
Institutul Confucius Institutul Confucius
BUCPRESS - știri din Cernăuți BUCPRESS - știri din Cernăuți

Affiliazioni

Euranet Plus Euranet Plus
AIB | the trade association for international broadcasters AIB | the trade association for international broadcasters
Digital Radio Mondiale Digital Radio Mondiale
News and current affairs from Germany and around the world News and current affairs from Germany and around the world
Comunità radiotelevisiva italofona Comunità radiotelevisiva italofona

Provider

RADIOCOM RADIOCOM
Zeno Media - The Everything Audio Company Zeno Media - The Everything Audio Company