Ascolta RRI in diretta!

Ascolta Radio Romania Internazionale dal vivo

Emanuel Pârvu, premiato a Cannes

Il film romeno “Tre chilometri alla fine del mondo", selezionato nella competizione ufficiale per la Palma d’Oro al Festival Internazionale del Cinema di Cannes, ha vinto Queer Palm.

La locandina del film „Three Kilometres to the End of the World”
La locandina del film „Three Kilometres to the End of the World”

, 08.06.2024, 07:00

Il film romeno “Tre chilometri alla fine del mondo”, selezionato nella competizione ufficiale per la Palma d’Oro al Festival Internazionale del Cinema di Cannes, ha vinto Queer Palm, un premio alternativo assegnato ogni anno a un lungometraggio che tratta di “personaggi o temi LGBTQ”. Sin dalla sua creazione, nel 2010, Cannes Film Festival Queer Palm ha premiato film memorabili che parlano della diversità. A consegnare il premio al regista Emanuel Pârvu è stato il cineasta Lukas Dhont che ha letto anche la motivazione della giuria: „Una decomposizione dura e preziosa di un sistema della violenza. La sua prospettiva svela gradualmente il mondo patriarcale in cui sono cresciuti i nostri personaggi in cui lo spazio dell’esistenza completa è reso impossibile dalle strutture di idee profondamente radicate. In questo film ipnotizzante, le persone sembrano essere tenute da corde che le allontanano dalla luce, fino a quando alcune cominciano a liberarsene”.

Accanto al regista Emanuel Pârvu, sul tappetto rosso sono saliti gli attori Bogdan Dumitrache, Valeriu Andriuță, Ciprian Chiujdea e Ingrid Micu-Berescu. La prima romena del film “Tre chilometri alla fine del mondo” avrà luogo al TIFF – Transilvania International Film Transilvania (14-24 giugno, Cluj-Napoca). “Three Kilometres to the End of the World” conclude la trilogia iniziata con “Meda or The Not so Bright Side of Things” (2 premi al Festival del Cinema di Sarajevo nel 2018, al migliore regista e al migliore attore protagonista – Șerban Pavlu), il debutto di Emanuel Pârvu nel lungometraggio, e continuata con il film “Marocco” (selezionato al Festival di San Sebastian 2021). Tuttavia non posso dire che sia una chiusura definitiva, nel senso che non mi avvicinerò mai più a quest’argomento. Dal mio punto di vista, è un cerchio che si chiude con quest’ultimo dibattito, ma penso che la discussione che lancio possa continuare all’infinito. L’amore tra bambini e genitori, che secondo me è la più forte forma di amore, resta un territorio da esplorare in continuazione. Tuttavia, non mi rendo conto se quello che potrei fare in futuro sul rispettivo tema possa essere in sintonia con i film che ho realizzato finora. Posso dire che ho combattuto molto per questi argomenti, mi sono piaciuti moltissimo. Evidentemente le mie preoccupazioni resteranno in questa zona, mi preoccupano i legami tra le persone, è quello che i miei film metteranno in dibattito, ma cercando altre modalità. Questo legame bambino-genitore non è stato un argomento semplice, mi ha preoccupato molto, mi ha tenuto sveglio per notti, ha tormentato la mia vita interiore. Perciò, dopo questa trilogia, una pausa è più che benvenuta. Credo che anche questi periodi abbiano un loro ruolo, non possiamo esaurirci in continuazione”, ha detto Emanuel Pârvu.

Emanuel Pârvu ha messo in scena numerose pièce teatrali prima di passare al cinema. La sua opera teatrale di debutto, “Sector S” ha ricevuto una nomination ai Premi UNITER. È anche un attore di grande talento, ha interpretato ruoli memorabili in film come “Un padre, una figlia” (di Cristian Mungiu), “Portrait of the Fighter as a Young Man” (di Constantin Popescu), “The Anniversary” (di Dan Chișu), “Miracle” (di Bogdan Apetri), “Familiar” (di Călin Peter Netzer). La sua tesi di dottorato è dedicata alle strutture drammaturgiche e, da qualche anno, Emanuel Pârvu insegna alla Facoltà d’Arte dell’Università Ovidius di Costanza. “Non mi occupo mai di due progetti parallelamente, non mi posso concentrare su un ruolo e avere al contempo un progetto di regia in corso. Ho dei colleghi che possono farlo, ma con me non funziona, mi piace concentrarmi su un’unica cosa e mi dedico totalmente a quel progetto. In più, ci tengo molto anche alla mia attività didattica. Insieme all’attore Adrian Titieni e a Daniela Vitcu, preside della Facoltà d’Arte dell’Università Ovidius di Costanza, ho creato il primo e unico master di attoria da film in Romania. Mi sembra molto importante che questo master sia nato all’interno di un’università statale, ci tengo molto a ciò che accade là e agli incontri con gli studenti. Forse anche perché ho un figlio di quattordici anni, mi interessano molto le generazioni che arrivano dopo di noi. Perché dovremmo ricordarcelo, negli ultimi 20 anni, solo lo sport e il cinema romeno hanno avuto successo a livello internazionale. Simona Halep, Cristina Neagu, David Popovici e i registi cinematografici hanno conosciuto il successo internazionale al più alto livello. Proprio per questo mi propongo di investire nella mia attività pedagogica, perché mi interessa quello che succede con il futuro di questo Paese. Mi interessa molto il modo in cui si evolveranno i giovani, mi auguro che non siamo considerati dei cittadini di seconda mano, utilizzati solo per la raccolta di fragole e asparagi. Io, personalmente, sono molto orgoglioso di essere romeno e mi interessa il futuro del Paese e quello che sta accadendo con il sistema d’istruzione. Credo che attraverso le persone si possa costruire tanto abene, credo che in questo modo possiamo svilupparci come società”, aggiunge Emanuel Pârvu.

Il film “Tre chilometri alla fine del mondo” è prodotto dall’Associazione FAMArt. La sceneggiatura è firmata da Emanuel Pârvu e da Miruna Berescu, la fotografia da Silviu Stavilă, il montaggio da Mircea Olteanu, mentre la scenografia e i costumi sono realizzati da Bogdan Ionescu.

MoBU 2024
Agenda culturale sabato, 22 Giugno 2024

MoBU 2024

La seconda edizione della Fiera Internazionale d’Arte Contemporanea di Bucarest, MoBU, è stata organizzata dal 29 maggio al 2 giugno presso il...

MoBU 2024
Foto: facebook.com/TransilvaniaIFF
Agenda culturale sabato, 15 Giugno 2024

Transilvania International Film Festival

La 23a edizione del TIFF – Transilvania International Film Festival si svolge dal 14 al 24 giugno, a Cluj-Napoca, e rende un omaggio al cinema...

Transilvania International Film Festival
“Good Guys Go to Heaven”, un nuovo film di Radu Potcoavă
Agenda culturale martedì, 04 Giugno 2024

Nuovi film con Bogdan Dumitrache

Bogdan Dumitrache, uno degli attori più talentati e premiati della nuova ondata del cinema romeno, è protagonista in due film recenti: “Good Guys...

Nuovi film con Bogdan Dumitrache
La mostra “Dar / Dono”
Agenda culturale sabato, 25 Maggio 2024

La mostra “Dar / Dono”

Questa settimana è stata inaugurata una nuova mostra al Museo Nazionale di Storia della Romania (MNIR) del centro della capitale: “DAR –...

La mostra “Dar / Dono”
Agenda culturale sabato, 18 Maggio 2024

Galleria di terapie per bambini con bisogni speciali

L’evento è organizzato dall’associazione “Albert și zâmbete / Alberto e sorrisi” e si propone di creare uno spazio in cui famiglie e...

Galleria di terapie per bambini con bisogni speciali
Agenda culturale sabato, 11 Maggio 2024

I premi Gopo 2024

La 18/a edizione del Galà dei Premi Gopo, che si è proposta di celebrare i risultati ottenuti nel cinema romeno negli ultimi anni si è svolta al...

I premi Gopo 2024
Agenda culturale sabato, 04 Maggio 2024

Horia, il debutto di Ana-Maria Comănescu nel lungometraggio

“Horia”, il debutto nel lungometraggio della regista Ana-Maria Comănescu, è arrivato di recente sui grandi schermi in Romania....

Horia, il debutto di Ana-Maria Comănescu nel lungometraggio
Agenda culturale sabato, 27 Aprile 2024

La mostra „Pavel Obreja e Hanna Kozeletska – Aprile”

Il Centro Culturale „Mihai Eminescu” di Bucarest ospita, nel mese di aprile, la mostra di scultura e pittura di due artisti, marito e moglie:...

La mostra „Pavel Obreja e Hanna Kozeletska – Aprile”

Partenariati

Muzeul Național al Țăranului Român Muzeul Național al Țăranului Român
Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS
Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online
Institului European din România Institului European din România
Institutul Francez din România – Bucureşti Institutul Francez din România – Bucureşti
Muzeul Național de Artă al României Muzeul Național de Artă al României
Le petit Journal Le petit Journal
Radio Prague International Radio Prague International
Muzeul Național de Istorie a României Muzeul Național de Istorie a României
ARCUB ARCUB
Radio Canada International Radio Canada International
Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti” Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti”
SWI swissinfo.ch SWI swissinfo.ch
UBB Radio ONLINE UBB Radio ONLINE
Strona główna - English Section - polskieradio.pl Strona główna - English Section - polskieradio.pl
creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti
italradio italradio
Institutul Confucius Institutul Confucius
BUCPRESS - știri din Cernăuți BUCPRESS - știri din Cernăuți

Affiliazioni

Euranet Plus Euranet Plus
AIB | the trade association for international broadcasters AIB | the trade association for international broadcasters
Digital Radio Mondiale Digital Radio Mondiale
News and current affairs from Germany and around the world News and current affairs from Germany and around the world
Comunità radiotelevisiva italofona Comunità radiotelevisiva italofona

Provider

RADIOCOM RADIOCOM
Zeno Media - The Everything Audio Company Zeno Media - The Everything Audio Company