Ascolta RRI in diretta!

Ascolta Radio Romania Internazionale dal vivo

La ribellione dei legionari, i fascisti romeni

Dal 21 al 23 gennaio 1941, Bucarest fu la scena dello scontro tra lallora generale Ion Antonescu e la Guardia di Ferro, il partito dei fascisti romeni, che si chiamavano legionari.

La ribellione dei legionari, i fascisti romeni
La ribellione dei legionari, i fascisti romeni

, 24.01.2013, 16:09




Dal 21 al 23 gennaio 1941, Bucarest fu la scena dello scontro tra l’allora generale Ion Antonescu e la Guardia di Ferro, il partito dei fascisti romeni, che si chiamavano legionari. Nella storiografia romena, le vicende sono note come la ribellione dei legionari. A settembre 1940, in seguito alla crisi del regime autoritario di re Carlo II che aveva posto fine alla democrazia nel 1938, Antonescu si alleava con i legionari e, su modello di Hitler, diventava il capo” dello stato.




La dittatura di Antonescu mantenne le leggi razziali degli anni 1937-1938 e creò una commissione di romenizzazione. Ciò significò l’allontanamento degli ebrei dall’economia e la confisca dei patrimoni dei grandi industriali, bancheri e mercanti ebrei. Ulteriormente, con l’inasprimento delle leggi razziali e della politica antisemita, tutta la minoranza ebrea subì le conseguenze.




Il 4 dicembre 1940, la Romania firmò un accordo economico con la Germania con la durata di 10 anni, che completava il patto greggio-armamento firmato il 27 maggio 1940. Nei quattro mesi e mezzo di coabitazione, sia il generale Antonescu, che la Guardia di Ferro tentarono di rafforzare le proprie posizioni nello stato, tollerandosi reciprocamente. Antonescu permise la presenza dei legionari nelle istituzioni dello stato, mentre loro accettarono il controllo del generale sui ministeri-chiave e sui servizi di informazioni.




Inoltre, Antonescu accettò la vendetta dei legionari contro tutti i dignitari che li avevano perseguitati negli anni 1930. Nella notte fra il 26 e il 27 novembre 1940, nel carcere di Jilava, furono fucilati 64 dignitari. Inevitabilmente, le due forze arrivarono al conflitto armato a causa della sovrapposizione delle decisioni esecutive. Sostenuto dal giovane re Michele I e dall’esercito, Antonescu ottenne anche il sostegno di Hitler.




La destituzione del ministro degli interni, il legionarie Constantin Petrovicescu, il 16 gennaio 1941, aprì le ostilità. I legionari rifiutarono di accettare la decisione di Antonescu e tentarono di arrestarlo e imporre il proprio controllo totale nello stato. Dal 21 al 23 gennaio 1941, nelle lotte di strada a Bucarest tra l’esercito e i gruppi di legionari, circa 120 delle vittime civili furono ebrei. Circa 8000 membri della Guardia di Ferro vennero arrestati, processati e condannati. La Guardia di Ferro fu allontanata, ma il processo non fu irreversibile. I suoi leader trovarono riparo in Germania che li strumentalizzò per minacciare Antonescu. (trad. Gabriela Petre)

Radio Romania International
Pagine di storia venerdì, 17 Maggio 2024

Umorismo romeno prima del 1989

I regimi politici dittatoriali, autoritari e illiberali non approvano l’umorismo perché è una manifestazione della libertà personale...

Umorismo romeno prima del 1989
Sguardo sulla storia della stampa femminile in Romania
Pagine di storia domenica, 05 Maggio 2024

Sguardo sulla storia della stampa femminile in Romania

I diritti e le libertà dell’individuo, enunciati fin dal XVIII secolo, pongono al centro la promozione dell’uguaglianza, al di là di ogni...

Sguardo sulla storia della stampa femminile in Romania
Comunismo e linguistica
Pagine di storia venerdì, 19 Aprile 2024

Comunismo e linguistica

Il regime comunista è intervenuto a tal punto nella vita delle persone che ha cercato di cambiare non solo le loro convinzioni più profonde ma...

Comunismo e linguistica
Ottomani e romeni
Pagine di storia mercoledì, 27 Marzo 2024

Ottomani e romeni

Uno degli attori più importanti che influenzò la storia dei romeni nello spazio extra-carpatico fu l’Impero Ottomano. È considerato uno dei...

Ottomani e romeni
Pagine di storia domenica, 03 Marzo 2024

90 anni dalla firma dell’Intesa Balcanica

Dopo la Prima Guerra Mondiale, gli stati vincitori del blocco dell’Intesa, Francia, Gran Bretagna, Italia, Giappone, Stati Uniti e Romania,...

90 anni dalla firma dell’Intesa Balcanica
Pagine di storia mercoledì, 28 Febbraio 2024

Tedeschi e sovietici in Romania nella Seconda Guerra Mondiale

Le guerre sono tra le forme più ripugnanti di degrado umano e la Seconda Guerra Mondiale ha raggiunto limiti inimmaginabili. È stata la guerra in...

Tedeschi e sovietici in Romania nella Seconda Guerra Mondiale
Pagine di storia giovedì, 08 Febbraio 2024

Le condizioni di vita dei lavoratori nella Romania interbellica

Chi legge pagine di storia operaia romena impara, in generale, che questa classe sociale è sempre stata perseguitata e che ha attraversato momenti...

Le condizioni di vita dei lavoratori nella Romania interbellica
Pagine di storia domenica, 28 Gennaio 2024

La Romania e il Trattato di Varsavia

La fine della Seconda Guerra Mondiale tagliò l'Europa in due, l'Europa centro-orientale, occupata dall'Unione Sovietica e trasformata in un'Europa...

La Romania e il Trattato di Varsavia

Compagno

Muzeul Național al Țăranului Român Muzeul Național al Țăranului Român
Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS
Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online
Institului European din România Institului European din România
Institutul Francez din România – Bucureşti Institutul Francez din România – Bucureşti
Muzeul Național de Artă al României Muzeul Național de Artă al României
Le petit Journal Le petit Journal
Radio Prague International Radio Prague International
Muzeul Național de Istorie a României Muzeul Național de Istorie a României
ARCUB ARCUB
Radio Canada International Radio Canada International
Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti” Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti”
SWI swissinfo.ch SWI swissinfo.ch
UBB Radio ONLINE UBB Radio ONLINE
Strona główna - English Section - polskieradio.pl Strona główna - English Section - polskieradio.pl
creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti
italradio italradio
Institutul Confucius Institutul Confucius
BUCPRESS - știri din Cernăuți BUCPRESS - știri din Cernăuți

Affiliazioni

Euranet Plus Euranet Plus
AIB | the trade association for international broadcasters AIB | the trade association for international broadcasters
Digital Radio Mondiale Digital Radio Mondiale
News and current affairs from Germany and around the world News and current affairs from Germany and around the world
Comunità radiotelevisiva italofona Comunità radiotelevisiva italofona

Provider

RADIOCOM RADIOCOM
Zeno Media - The Everything Audio Company Zeno Media - The Everything Audio Company