Ascolta RRI in diretta!

Ascolta Radio Romania Internazionale dal vivo

Natura, tradizione e avventura in Tara Lapusului

“Tara Lapusului, una delle quattro contrade etnofocloristiche della provincia romena di Maramures, è protagonista del progetto di valorizzazione turistica “Natura, tradizione, avventura.

Natura, tradizione e avventura in Tara Lapusului
Natura, tradizione e avventura in Tara Lapusului

, 16.01.2013, 17:15


La Provincia di Maramures, nel nord della Romania, è famosa per la sua cultura del legno con radici secolari di cui testimoniano le più alte chiese in legno della Romania, risalenti al XVI-esimo e al XVII-esimo secolo, quelle di Barsana, Poienile Izei, Ieud, Desesti, Surdesti Plopis, Rogozu e Budesti, il cui stile architettonico è stato chiamato “gotico del Maramures”. Cartteristici di questa provincia romena sono anche i portoni in legno intagliato delle masserie, biglietto da visita degli artigiani locali.La provincia di Maramures è altrettanto nota per il paesino Sapanta, con il suo “Cimitero Allegro”, che deve il proprio nome al fatto che tutte le croci in legno riportano epitaffi scherzosi che caratterizzano i defunti e coloratissimi bassorilievi scolpiti con scene della loro vita quotidiana. Le croci furono un‘idea dell’artigiano locale, Ioan Stan Patras, nel 1935, e la sua opera è continuata ai nostri giorni da un discepolo altrettanto bravo.


“Tara Lapusului” è una delle quattro contrade della Provincia di Maramures, accanto a Tara Maramuresului, Tara Chioarului e Tara Codrului. Trae il suo nome dal fiume che sgorga dalle montagne del Lapus, il più lungo della provincia, che ha scavato lungo i secoli vallate, grotte e canion per una distanza di 120 chilometri. I meandri del fiume sono una forte attrattiva non solo per gli amanti delle gite, ma anche per gli appassionati della pesca, del rafting, delle scalate e del cicloturismo. Una sosta d’obbligo nella Contrada “Tara Lapusului” è la Riserva naturale “Le gole del Lapus”, dichiarata area naturale protetta e inclusa nella rete europea “Natura 2000”. Il potenziale turistico di “Tara Lapusului” è stato valorizzato dalle autorità provinciali attraverso un recente progetto finanziato con fondi dal Programma operativo regionale dell’Ue: “Natura, tradizione, avventura – la promozione del turismo nella contrada Tara Lapusului”, come racconta Rada Pavel, direttrice dell’Ufficio Promozione Turistica del Consiglio Provinciale Maramures.


“Il progetto è stato volto a portare alla ribalta una zona della Romania meno nota dal punto di vista turistico. Chi sente parlare del Maramures pensa subito al Maramures storico che e solo una delle contrade della nostra provincia e che ricade nella sua parte nord-est. La Contrada Tara Lapusului si trova, invece, nel sud della provincia e vanta altrettante attrattive turistiche. È una zona in cui il turismo non è ancora di massa come in altre zone turistiche della Romania, il che è un fatto positivo. Tara Lapusului vanta un rilievo più mite rispetto al Maramures storico, un rilievo amico degli escursionisti e degli amanti del mountain bike, per cui abbiamo creato sin dal 2009 anche un percorso cicloturistico che attrae un numero sempre maggiore di appassionati. Nei paesini di Tara Lapusului è ancora ritrovabile l’archittetura contadina tradizionale. Ed è infatti su quello che è tradizionale e genuino che puntiamo nell’ambito del nostro progetto, e, allo stesso tempo sul potenziale naturalistico”, ha detto Rada Pavel a RRI.


La Contrada Tara Lapusului è stata promossa, innanzittutto, attraverso una campagna fotografica per far vedere ai potenziali turisti le richezze naturali e culturali della contrada.


“Abbiamo organizzato un tour fotografico per 8 fotografi professioni arrivati da tutto il Paese che hanno passato nella nostra contrada una settimana alla scoperta delle attrattive locali. Tra le mille foto scattate in diversi momenti del giorno sono state scelte le più interessanti da esporre in diverse mostre nel Paese. E abbiamo organizzato anche la prima edizione delle Olimpiadi della Contrada Tara Lapusului, con varie gare sportive volte a rendere note ai turisti e agli appassionati tutte le attività turistiche che si possono sviluppare in mezzo alla natura nella zona. Ci sono state gare di caiac, rafting, tiro ad arco e scalate, e siccome l’iniziativa è stata accolta con molto entusiasmo, quest’anno ci sarà una seconda edizione”, ha precisato Oana Chiorean, della Direzione Sviluppo Regionale del Consiglio Provinciale Maramures, che ha gestito l’implementazione del progetto “Natura, tradizione, avventura”.


Proseguendo alla scoperta delle attrattive culturali della Contrada Tara Lapusului, nel villaggio Rogoz incontriamo un monumento inserito nella lista del “Patrimonio dell’Umanità” Unesco: la chiesa “Santi arcangeli Michele e Gabriele”, una delle più pregiate della Transilvania, risalente al 1663. Sempre qui, sul frontone della chiesa, scopriamo uno dei motivi decorativi tipici del Maramures, la corda intrecciata, simbolo della vita.


La Contrada Tara Lapusului vanta anche una delle più importanti scoperte archeologiche in Romania. In uno dei siti archeologici di Lapusul Romanesc, formato da 80 tumuli risalenti all’Età del Bronzo, è stata rinvenuta la più imponente costruzione preistorica nell’est dell’Europa. Si tratta di una costruzione in legno di quercia lunga 25 metri e a lata 11, che si suppone ospitasse i banchetti funerari, e che si assomiglia alle costruzioni tipiche della civiltà micenea. I reperti storici scoperti negli 80 tumuli, oltre 500 oggetti risalenti all’Età del Bronzo, sono custoditi presso il Museo Provinciale di Storia ed Archelogia di Baia Mare, capoluogo della Provincia di Maramures.


La Provincia di Maramures va visitata anche per il suo artigianato popolare incentrato sulla lavorazione del legno e della ceramica, sulla confezione a mano di costumi tradizionali, di coperte e tappetti in lana colorata con colori di origine vegetale. In quasi tutte le case del Maramures esistono telai a mano. È infatti una delle poche zone in cui il costume tradizionale si è conservato quasi inalterato dalle influenze urbane.


Viorel Coroian, presidente dell’Associazione Turismo Rurale in Maramures, ha presentato a RRI quali le attrattive gastronomiche locali, sfogliando il calendario degli eventi annuali.


La nostra associazione promuove l’intero Maramures turistico con i suoi agriturismi, l’ospitalità e le tradizioni. Il turismo rurale in Maramures ha tanto da offrire dal punto di vista della natura, del folclore, ma anche dei prodotti tradizionali tra cui regnano l’horinca, la nostra grappa di prugne, e il pane di mais preparato secondo una ricetta tradizionale. I turisti possono partecipare alla preparazione dell’horinca nelle masserie come anche alle attività tipiche della vita del villaggio, come la falciatura o la raccolta del fieno d’estate. Il calendario di eventi nella provincia include feste campestri e festival, come il “Festival del canto e del costume popolare” che porta alla ribalta ogni anno i più bei motivi di musica folcloristica e il costume tipico della zona oppure la “Il festival del peso del latte”, i cui protagonisti sono i proprietari di bestiame, perchè la nostra provincia vanta una secolare tradizione pastorale. Va ricodato che è solo nei paesini della Provincia di Maramures che vengono allevate bufale nere. A questo festival avrete l’occasione di assaggiare il “balmos”, la nostra polenta con formaggio di pecora e burro. Essendo una provincia ricca di boschi, tra le prelibatezze tipiche non mancano i piatti a base di funghi, tra cui la zuppa di funghi, i funghi impanati e la foccaccia ripiena di funghi. Se prenotate una vacanza in agriturismo sarete accompagnati di sicuro dai proprietari ad una caccia ai funghi nei boschi”, ha raccontato Viorel Coroian.


In Maramures si può anche viaggiare con la “mocanita”, il trenino a scartamento ridotto, trainato da una locomotiva a vapore, che circola sulla spettacolare Valle del torrente Vaser. E per chi volesse fare un tufo nella civiltà rurale del Maramures alcune soste da non perdere sono il “Museo dedicato alle attività della donna nel mondo rurale”, il “Museo della canapa” e il “Museo di etnografia”, con la sua sezione di architettura popolare all’aperto che custodisce le più antiche abitazioni costruite in quest’area e con la più importante collezione di maschere popolari romene.



Il Castello dei Corvino (foto Daniel Onea)
Terre e sapori venerdì, 17 Maggio 2024

Il Castello dei Corvino, leggenda vivente della Transilvania

Il Castello dei Corvino è il monumento meglio conservato dell’architettura gotica, civile e militare dell’Europa centrale e...

Il Castello dei Corvino, leggenda vivente della Transilvania
Uova dipinte di Ciocănești (fonte foto:
Terre e sapori giovedì, 02 Maggio 2024

Pasqua in Maramureș e Bucovina

Le feste pasquali sono la migliore occasione per scoprire il mondo rurale romeno. Sono due le zone in cui questa grande festa attrae il maggior...

Pasqua in Maramureș e Bucovina
Braşov (foto RRI)
Terre e sapori giovedì, 25 Aprile 2024

Il percorso turistico-culturale „Le Porte della Transilvania”

Il percorso turistico-culturale “Le Porte della Transilvania” è lungo 1141 km e vanta oltre 100 siti turistici, visitabili in auto in 16...

Il percorso turistico-culturale „Le Porte della Transilvania”
(Photo credits: RRI)
Terre e sapori giovedì, 18 Aprile 2024

Invito in provincia di Alba

Nel centro della Romania, nella provincia di Alba, troviamo attrattive e prodotti turistici unici. Alba è una provincia della diversità. Vanta...

Invito in provincia di Alba
Terre e sapori giovedì, 04 Aprile 2024

Alla scoperta della provincia di Timiș

Timiș è una provincia multiculturale e un esempio di convivenza etnica. La presenza delle varie etnie è visibile sia nell’architettura che...

Alla scoperta della provincia di Timiș
Terre e sapori mercoledì, 27 Marzo 2024

Viaggio in Transilvania con il trenino “mocănița”

Questa volta andiamo in Transilvania, in provincia di Sibiu, per fare un viaggio con il vecchio trenino a scartamento ridotto...

Viaggio in Transilvania con il trenino “mocănița”
Terre e sapori mercoledì, 20 Marzo 2024

Invito nella provincia di Buzau

Questa volta andiamo verso la parte sud-orientale della Romania, all’incrocio tra le province storiche di Valacchia, Moldavia e Transilvania,...

Invito nella provincia di Buzau
Terre e sapori giovedì, 29 Febbraio 2024

Sinaia, la città reale

Vi invitiamo a scoprire una destinazione molto gettonata dagli amanti degli sport di montagna, ma anche dagli appassionati di storia: Sinaia. Situata...

Sinaia, la città reale

Compagno

Muzeul Național al Țăranului Român Muzeul Național al Țăranului Român
Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS
Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online
Institului European din România Institului European din România
Institutul Francez din România – Bucureşti Institutul Francez din România – Bucureşti
Muzeul Național de Artă al României Muzeul Național de Artă al României
Le petit Journal Le petit Journal
Radio Prague International Radio Prague International
Muzeul Național de Istorie a României Muzeul Național de Istorie a României
ARCUB ARCUB
Radio Canada International Radio Canada International
Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti” Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti”
SWI swissinfo.ch SWI swissinfo.ch
UBB Radio ONLINE UBB Radio ONLINE
Strona główna - English Section - polskieradio.pl Strona główna - English Section - polskieradio.pl
creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti
italradio italradio
Institutul Confucius Institutul Confucius
BUCPRESS - știri din Cernăuți BUCPRESS - știri din Cernăuți

Affiliazioni

Euranet Plus Euranet Plus
AIB | the trade association for international broadcasters AIB | the trade association for international broadcasters
Digital Radio Mondiale Digital Radio Mondiale
News and current affairs from Germany and around the world News and current affairs from Germany and around the world
Comunità radiotelevisiva italofona Comunità radiotelevisiva italofona

Provider

RADIOCOM RADIOCOM
Zeno Media - The Everything Audio Company Zeno Media - The Everything Audio Company