Ascolta RRI in diretta!

Ascolta Radio Romania Internazionale dal vivo

La settimana 27/05 – 01/06/2024

In attesa delle prime elezioni del 2024 / Deficit di bilancio / Giornata dei Romeni nel Mondo / L’ultima partita della Generazione d’oro

Sguardo sulla settimana
Sguardo sulla settimana

, 01.06.2024, 07:00

In attesa delle prime elezioni del 2024
Quest’anno, in Romania si svolgono tutti e quattro i tipi di elezioni possibili. La maratona elettorale inizierà il 9 giugno, con le amministrative e le europee accorpate. 207.389 persone aspirano a diventare sindaco, consigliere locale o provinciale, presidente di Consiglio Provinciale oppure eurodeputato. Il più giovane candidato ha 23 anni, mentre il più anziano ne ha 100, come ha annunciato martedì, in una conferenza stampa, il presidente dell’Autorità Elettorale Permanente della Romania, Toni Greblă. Gli elettori riceveranno ciascuno cinque schede elettorali e potranno esprimere le proprie opzioni fino alle ore 22:00 romene. In condizioni speciali, anche fino a mezzanotte. Ci sono 3.186 posti di sindaci in tutto il Paese. Per le elezioni europee ci sono 14 candidati per seggio. La Romania sarà rappresentata da 33 eurodeputati, come nell’attuale mandato. Hanno diritto di voto tutti i romeni che hanno compiuto i 18 anni anche nel giorno delle elezioni. Nel registro elettorale sono iscritte 18.025.324 persone, di cui 942.730 sono romeni residenti all’estero. Nel Paese saranno aperti 18.968 seggi elettorali, mentre all’estero un numero record di 915, di cui i più numerosi saranno nei Paesi in cui anche la presenza dei cittadini romeni è maggiore. In Italia ci saranno 150 seggi, in Gran Bretagna – 147, in Germania – 104 seggi, in Francia – 66 seggi, nella Repubblica di Moldova – 52, mentre negli USA – 48 seggi. Per le amministrative si può votare solo in Romania e soltanto nella località di residenza degli elettori. Invece per le europee, si può votare ovunque nel Paese o all’estero.

Deficit di bilancio
Il deficit di bilancio della Romania è salito al 3,24% del Prodotto Interno Lordo dopo i primi quattro mesi di quest’anno. Secondo i dati pubblicati questa settimana dal Ministero delle Finanze, lo Stato ha avuto incassi di quasi 183 miliardi di lei (pari a quasi 37 miliardi di euro), ma le spese sono ammontate a circa 240 miliardi (sui 48 miliardi di euro), oltre 57 miliardi di lei in più. Secondo il Ministero delle Finanze, il deficit nel mese di aprile è stato influenzato anche dal pagamento anticipato delle pensioni prima della minivacanza del 1° maggio e della Pasqua. Come percentuale del PIL, le spese di quest’anno hanno registrato una crescita del 2% rispetto allo stesso periodo del 2023, ha aggiunto il Ministero. Il bilancio della Romania per quest’anno è concepito considerando un deficit del 5% del PIL, in calo rispetto a quello dell’anno scorso. D’altra parte, i romeni hanno preso a marzo nuovi crediti di consumo maggiori del 70% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, mentre negli ultimi 12 mesi i mutui concessi alla popolazione sono aumentati di oltre l’8%, secondo i dati della Banca Centrale. Questa tendenza di crescita dei prestiti è normale, man mano che l’inflazione diminuisce e, di conseguenza, anche gli interessi.

Giornata dei Romeni nel Mondo
Il presidente Klaus Iohannis ha esortato al mantenimento dell’identità, della lingua e delle tradizioni romene, in un messaggio in occasione della Giornata dei Romeni nel Mondo, celebrata, a partire dal 2015, nell’ultima domenica di maggio. Il capo dello stato ha sottolineato che è necessario che la diaspora rimanga una voce forte, sentita sia a Bucarest, che in altre capitali del mondo. Il governo continuerà ad appoggiare i romeni all’estero, ha dichiarato anche il premier Marcel Ciolacu, il quale ha annunciato, tra l’altro, che a luglio verrà firmato l’accordo in base al quale i romeni di Spagna potranno avere doppia cittadinanza, mentre fino a fine anno la Romania potrà aderire pienamente all’area Schengen. Dal canto suo, la ministra degli Esteri, Luminiţa Odobescu, ha ricordato che il benessere e la sicurezza dei cittadini romeni all’estero, ma anche il dialogo permanente con la diaspora devono essere le priorità della diplomazia romena. La Giornata dei Romeni nel Mondo è stata celebrata tramite eventi ospitati da importanti istituzioni culturali di Bucarest, nell’ambito del Festival “Aici-Acolo”, al quale sono stati attesi 500 romeni della diaspora e dalle comunità storiche, ma anche del Paese. La Giornata dei Romeni nel Mondo è una forma di riconoscimento dell’importanza concessa dallo Stato romeno alle comunità di romeni che vivono oltre confine.

L’ultima partita della Generazione d’oro
Il 25 maggio, la Generazione d’Oro dei calciatori romeni ha giocato “Per l’ultima volta insieme”. Ha sconfitto la squadra selezionata e allenata dal famoso José Mourinho, per 3-2, dopo che il punteggio era stato di 2-0. La nazionale che ha portato tanta gioia ai romeni ai Mondiali del 1994 ha riempito lo stadio, l’Arena Nazionale essendo presa d’assalto dalle oltre 50 mila persone che hanno pagato biglietti per venire a rendere un omaggio a coloro che, 30 anni fa, ottenevano il miglior risultato per la squadra nazionale – il quinto posto ai Mondiali negli Stati Uniti. La partita anniversaria è stata arbitrata da Ion Crăciunescu, il più premiato arbitro romeno della storia. Non sono mancati dal campo ex calciatori internazionali romeni famosi come Gheorghe Hagi, Gheorghe Popescu, Miodrag Belodedici, Dan Petrescu, Ilie Dumitrescu, Florin Răducioiu o Marius Lăcătuș. Nella squadra mondiale venuta a Bucarest per la partita, altri nomi di spicco – il brasiliano Rivaldo, il francese Karembeu, il bulgaro Stoichkov o il portoghese Nuno Gomes! I romeni più anziani hanno rivissuto ricordi, mentre per le giovani generazioni è stata un’esperienza memorabile – ha scritto la pubblicazione Gazeta Sporturilor in riferimento alla partita di addio dei calciatori che hanno scritto pagine di storia per la Romania.

Eveniment Top colaj 3x3
Sguardo sulla settimana sabato, 13 Luglio 2024

La settimana 07-13/07/2024

Cinque leader della NATO, tra cui il presidente americano Joe Biden e quello romeno Klaus Iohannis, hanno firmato, al vertice alleato di Washington,...

La settimana 07-13/07/2024
Sguardo sulla settimana
Sguardo sulla settimana sabato, 06 Luglio 2024

La settimana 01 – 06/07/2024

Il calendario delle elezioni… finalmente! Per tre domeniche consecutive i romeni saranno chiamati alle urne. Il 24 novembre si terrà il primo...

La settimana 01 – 06/07/2024
Sguardo sulla settimana
Sguardo sulla settimana sabato, 29 Giugno 2024

La settimana 24 – 29/06/2024

Vertice a Bruxelles Il presidente della Romania, Klaus Iohannis, ha partecipato giovedì e venerdì alla riunione del Consiglio europeo a Bruxelles....

La settimana 24 – 29/06/2024
Sguardo sulla settimana
Sguardo sulla settimana sabato, 22 Giugno 2024

La settimana 17 – 22/06/2024

Decisioni importanti nel Consiglio Supremo di Difesa Il Consiglio Supremo di Difesa del Paese ha deciso, giovedì, che la Romania doni all’Ucraina...

La settimana 17 – 22/06/2024
Sguardo sulla settimana sabato, 15 Giugno 2024

La settimana 10 – 15.06.2024

Risultati delle elezioni europee e amministrative in Romania Alle elezioni amministrative ed europee del 9 giugno in Romania, il Partito...

La settimana 10 – 15.06.2024
Sguardo sulla settimana sabato, 08 Giugno 2024

La settimana 03 – 08/06/2024

Elezioni amministrative ed europee in Romania Nell’ultima settimana di campagna elettorale prima delle elezioni del 9 giugno, le autorità...

La settimana 03 – 08/06/2024
Sguardo sulla settimana sabato, 25 Maggio 2024

La settimana 20 – 25/05/2024

Garanzie di sicurezza per la Romania Il presidente romeno, Klaus Iohannis, ha dichiarato, mercoledì, che non esiste alcuna minaccia diretta contro...

La settimana 20 – 25/05/2024
Sguardo sulla settimana sabato, 18 Maggio 2024

La settimana 13 – 18/05/2024

Proteste dei lavoratori in Romania La settimana è iniziata con le proteste del Blocco Sindacale Nazionale di Romania e delle 29 federazioni...

La settimana 13 – 18/05/2024

Partenariati

Muzeul Național al Țăranului Român Muzeul Național al Țăranului Român
Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS
Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online
Institului European din România Institului European din România
Institutul Francez din România – Bucureşti Institutul Francez din România – Bucureşti
Muzeul Național de Artă al României Muzeul Național de Artă al României
Le petit Journal Le petit Journal
Radio Prague International Radio Prague International
Muzeul Național de Istorie a României Muzeul Național de Istorie a României
ARCUB ARCUB
Radio Canada International Radio Canada International
Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti” Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti”
SWI swissinfo.ch SWI swissinfo.ch
UBB Radio ONLINE UBB Radio ONLINE
Strona główna - English Section - polskieradio.pl Strona główna - English Section - polskieradio.pl
creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti
italradio italradio
Institutul Confucius Institutul Confucius
BUCPRESS - știri din Cernăuți BUCPRESS - știri din Cernăuți

Affiliazioni

Euranet Plus Euranet Plus
AIB | the trade association for international broadcasters AIB | the trade association for international broadcasters
Digital Radio Mondiale Digital Radio Mondiale
News and current affairs from Germany and around the world News and current affairs from Germany and around the world
Comunità radiotelevisiva italofona Comunità radiotelevisiva italofona

Provider

RADIOCOM RADIOCOM
Zeno Media - The Everything Audio Company Zeno Media - The Everything Audio Company