Ascolta RRI in diretta!

Ascolta Radio Romania Internazionale dal vivo

Fascicolo Marcia minatori su Bucarest, nuovamente nel mirino della giustizia

La cosiddetta Marcia dei minatori su Bucarest, avvenuta a giugno 1990, è tornata sul tavolo dei procuratori romeni.

Foto: pixabay.com
Foto: pixabay.com

, 26.04.2024, 11:03

Dopo più di tre decenni, la Romania non riesce a fare chiarezza sull’episodio più oscuro della sua storia post-comunista. I procuratori hanno aperto ieri nuove udienze nel fasciolo della cosiddetta Marcia dei minatori avvenuta nel 1990, quando le manifestazioni contro il regime di sinistra, instaurato dopo la Rivoluzione anticomunista, furono violentemente represse dalle forze dell’ordine, con l’aiuto dei minatori chiamati dalla Valle del Jiu (sud-ovest). Gli investigatori hanno già informato l’allora primo ministro Petre Roman, l’ex vicepremier Gelu Voican Voiculescu, l’ex direttore del Servizio Romeno di Informazioni, Virgil Măgureanu, l’ex consigliere ministeriale Adrian Sârbu e altre persone del regime dell’epoca che sono sospetti, con l’accusa di reati contro l’umanità.

Secondo la Procura militare, nel giugno 1990, i quattro hanno lanciato una politica di repressione contro la popolazione civile di Bucarest, a seguito della quale sono state uccise quattro persone, due violentate, l’integrità fisica e/o mentale di oltre 1.300 persone è stata danneggiata e più di 1.200 persone sono state illegalmente private della libertà. La Procura precisa che i fatti e l’inquadramento giuridico dei fatti si basano esclusivamente sulle prove trattate dopo il 4 giugno 2021, data in cui il caso è stato restituito alla Procura e tutte le prove precedentemente trattate sono state annullate.

Il 20 maggio 1990, cinque mesi dopo la caduta della dittatura comunista di Nicolae Ceauşescu, Ion Iliescu, suo ex ministro negli anni ’70, percepito come il leader della Rivoluzione, aveva vinto le prime elezioni presidenziali libere con circa l’85% dei voti. Il suo partito, una combinazione eterogenea di rivoluzionari autentici e comunisti di second’ordine, aveva ottenuto, a sua volta, due terzi dei seggi del Parlamento. La Piazza dell’Università, occupata dagli studenti da aprile e proclamata “zona libera dal neocomunismo”, si era già svuotata, perché i manifestanti avevano accettato il verdetto delle urne. Vi erano rimaste solo poche decine di scioperanti della fame, che sembravano incapaci di continuare la loro vita fuori dalla piazza.

La loro evacuazione da parte della Polizia, la notte del 13 giugno, è stata effettuata con una forza sproporzionata, che ha evocato la repressione dei giorni della Rivoluzione. Ancora oggi non è chiaro se coloro che, il giorno dopo, hanno reagito combattendo per le strade con la polizia e occupando la sede del Ministero degli Interni e della Televisione Pubblica, avessero avuto davvero qualche legame con la Piazza. Iliescu e i suoi li qualificarono come “legionari” (estrema destra tra le due guerre mondiali) e, sebbene l’esercito avesse già ristabilito l’ordine, hanno chiamato la popolazione a salvare “la democrazia in pericolo”.

I minatori della Valle del Jiu hanno risposto alla loro chiamata. Per soli due giorni, il 14 e 15 giugno, hanno preso le redini della Capitale, sostituendosi ad ogni autorità legale. Abbastanza da lasciare indietro migliaia di persone traumatizzate. L’università profanata, le sedi dei partiti di opposizione e dei giornali indipendenti devastati completano il quadro dell’invasione dei minatori, che macchiò l’immagine di un paese che aveva appena ritrovato il suo prestigio internazionale dopo la Rivoluzione.

Charles Michel, Ursula von der Leyen e Kaja Kallas (foto: ©European Union, 2024 / Photographer: Dati Bendo)
Attualità venerdì, 28 Giugno 2024

UE, i futuri vertici istituzionali

Riuniti per la seconda volta dopo le elezioni europee svoltesi all’inizio del mese, i leader europei hanno stabilito chi occuperà le posizioni...

UE, i futuri vertici istituzionali
Mark Rutte e Jens Stoltenberg (foto: nato.int)
Attualità giovedì, 27 Giugno 2024

Nuovo capo per la NATO

Il primo ministro olandese Mark Rutte sarà il 14° segretario generale dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico. Succederà a Jens...

Nuovo capo per la NATO
Foto: AEP
Attualità mercoledì, 26 Giugno 2024

Quando si terranno le elezioni presidenziali?

In Romania, il 2024 è “l’anno di tutte le elezioni”. Dopo le europee e amministrative svoltesi il 9 giugno, la coalizione di governo si è...

Quando si terranno le elezioni presidenziali?
La Giornata Universale della Ie / Foto: Agerpres
Attualità martedì, 25 Giugno 2024

La giornata della ie

Il 24 giugno in Romania si celebra la Giornata della Ie – detta cămaşa cu altiţă – la camicetta con grandi e colorati ricami fatti a...

La giornata della ie
Attualità venerdì, 21 Giugno 2024

Gli investitori stranieri scommettono sulla Romania

Secondo uno studio condotto dalla società di consulenza finanziaria e audit Ernst & Young, il 67% degli investitori in Romania prevede un...

Gli investitori stranieri scommettono sulla Romania
Attualità giovedì, 20 Giugno 2024

Come ci proteggiamo dagli attacchi informatici?

I rischi legati alla sicurezza cibernetica sono sempre più accentuati e le tecnologie emergenti sono elementi che non fanno altro che aumentare...

Come ci proteggiamo dagli attacchi informatici?
Attualità mercoledì, 19 Giugno 2024

I rappresentanti della Romania nel Parlamento Europeo

Dopo più di una settimana di incertezze, la Gazzetta Ufficiale ha pubblicato il verbale relativo alla centralizzazione dei voti e...

I rappresentanti della Romania nel Parlamento Europeo
Attualità martedì, 18 Giugno 2024

Negoziati su incarichi dirigenziali nell’UE

In una riunione informale all’inizio di questa settimana, per la prima volta dopo le elezioni europee del 6-9 giugno, i capi di stato e di...

Negoziati su incarichi dirigenziali nell’UE

Partenariati

Muzeul Național al Țăranului Român Muzeul Național al Țăranului Român
Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS Liga Studentilor Romani din Strainatate - LSRS
Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online Modernism | The Leading Romanian Art Magazine Online
Institului European din România Institului European din România
Institutul Francez din România – Bucureşti Institutul Francez din România – Bucureşti
Muzeul Național de Artă al României Muzeul Național de Artă al României
Le petit Journal Le petit Journal
Radio Prague International Radio Prague International
Muzeul Național de Istorie a României Muzeul Național de Istorie a României
ARCUB ARCUB
Radio Canada International Radio Canada International
Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti” Muzeul Național al Satului „Dimitrie Gusti”
SWI swissinfo.ch SWI swissinfo.ch
UBB Radio ONLINE UBB Radio ONLINE
Strona główna - English Section - polskieradio.pl Strona główna - English Section - polskieradio.pl
creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti creart - Centrul de Creație Artă și Tradiție al Municipiului Bucuresti
italradio italradio
Institutul Confucius Institutul Confucius
BUCPRESS - știri din Cernăuți BUCPRESS - știri din Cernăuți

Affiliazioni

Euranet Plus Euranet Plus
AIB | the trade association for international broadcasters AIB | the trade association for international broadcasters
Digital Radio Mondiale Digital Radio Mondiale
News and current affairs from Germany and around the world News and current affairs from Germany and around the world
Comunità radiotelevisiva italofona Comunità radiotelevisiva italofona

Provider

RADIOCOM RADIOCOM
Zeno Media - The Everything Audio Company Zeno Media - The Everything Audio Company